l’exploit del Giappone, il gesto di protesta della Germania, la carta della Spagna… I momenti salienti di questo mercoledì

Trova gli highlights di questa quarta giornata della Coppa del Mondo 2022. Germania, Spagna e Belgio hanno partecipato al concorso.

L’exploit del giorno: il Giappone ha rovesciato la Germania

Una partita che passerà alla storia. Come nel 2018 quando toccò alla Corea del Sud, la Germania perse per il suo ingresso ai Mondiali. Questa volta il boia è Giappone, autore di una bella rimonta (1-2).

Il Mannschaft aveva la partita in mano dopo che Gündogan ha aperto le marcature dal dischetto, ma non è mai riuscito a fare il contropiede. Colpa di un ottimo Shuichi Gonda, il portiere giapponese, autore di otto stoppate. Contro l’andamento del gioco, i giapponesi sono poi riusciti a pareggiare e poi a passare in vantaggio con Doan (75e) e Asano (83e). I tedeschi dovranno reagire alla prossima partita. Non sarà facile contro una Spagna impressionante, che mercoledì ha battuto il Costa Rica (7-0).

La gioia dei giapponesi al termine del match. GIOIELLO SAMAD/AFP

Il gesto del giorno: Germania motus e bocca cucita

L’immagine ha fatto il giro del mondo in pochi minuti. I giocatori tedeschi hanno approfittato della foto scattata prima della sconfitta contro il Giappone (1-2) per coprirsi la bocca. Un segnale forte inviato contro il bando del bracciale inclusivo “One Love”, simbolo della lotta alla discriminazione. La Fifa ha infatti raccomandato alle selezioni di non indossarlo pena sanzioni sportive.

In tribuna, il ministro dell’Interno responsabile dello sport Nancy Faeser ha indossato la famosa fascia al braccio. Era al fianco di Gianni Infantino, presidente della Fifa. Dal canto suo, la federazione tedesca ha inviato sui social un comunicato stampa. Diceva, tra l’altro: Questo non è un messaggio politico: i diritti umani non sono negoziabili. Dovrebbe essere ovvio. Sfortunatamente, non è ancora così. »

Il gesto di protesta del Team Germany contro il divieto di indossare la fascia da braccio inclusiva “One Love”. JB Autissier / PANORAMICA

GUARDA ANCHE – Mondiali 2022: i tedeschi imbavagliati, “è una delle immagini dei Mondiali”, secondo Baptiste Desprez

Cartellino del giorno: la Spagna si è sbarazzata del Costa Rica

La Roja era in mostra. Per la loro prima partita nella competizione, gli uomini di Luis Enrique ne ha trascorsi sette in Costa Rica, che semplicemente non ha visto la luce del giorno (7-0). Dani Olmo, Marco Asensio, Gavi, Ferran Torres (doppio), Carlos Soler e Alvaro Morata sono riusciti a ingannare Keylor Navas. Grazie a questa prestazione impressionante, la Spagna ha preso il comando nel Gruppo E davanti al Giappone.

Gli spagnoli hanno prodotto un’impressionante prestazione collettiva per battere il Costa Rica. PETER CZIBORRA / PANORAMICA

Il numero del giorno: 0, come i gol segnati durante Marocco-Croazia

Finalista infelice nel 2018, la Croazia desiderava iniziare bene questo Mondiale 2022. Ma i Vatreni non potevano fare di meglio del deludente pareggio contro il Marocco (0-0). Un gioco da dimenticare per gli amanti del calcio. Nonostante la voglia e il ritmo, nessuna delle due squadre è riuscita a creare una vera occasione. Ci sono stati solo sette colpi, due dei quali a segno. Insufficiente per sperare in qualcosa di meglio di una condivisione di punti.

Momento storico della giornata: Thibaut Courtois, primo

Thibaut Courtois è diventato il primo portiere a parare un rigore nella storia dei Mondiali del Belgio. La sua parata sullo sciopero di Alphonso Davies ha permesso alla sua gente di rimanere in vita e poi di farlo vittoria di pochissimo contro il Canada (1-0).

A 30 anni, il portiere del Real Madrid conferma di essere uno dei migliori portieri del mondo, se non il migliore. Come promemoria, ha ricevuto il trofeo Yachine come miglior portiere durante la cerimonia del Pallone d’Oro a metà ottobre.

Mondiali: immagini forti di Francia-Australia

Vai alla presentazione (17)

GUARDA ANCHE – Mondiali 2022: tutte le info dai nostri inviati speciali all’indomani della vittoria degli azzurri contro l’Australia

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *