L’iniziativa geniale: il rugby permette a chi cerca lavoro di trovare lavoro

Attraverso una grande iniziativa organizzata da Pole emploi e dalla Lega Ile-de-France, le persone in cerca di lavoro hanno potuto trovare lavoro grazie al rugby.
Attraverso una grande iniziativa organizzata da Pôle emploi e dalla Lega Ile-de-France, le persone in cerca di lavoro hanno potuto trovare lavoro grazie al rugby. (©ND, per le notizie sul rugby)

Houyam potrebbe aver fatto un passaggio al suo futuro datore di lavoro. E Virginie ha contattato un potenziale collaboratore. I candidati e i rappresentanti dell’azienda hanno seguito un’introduzione a Rugby per un’intera mattinata. Una sessione speciale di reclutamento che fa parte dell’iniziativa “Dallo stadio al lavoro” organizzata da centro per l’impiego e il Lega di rugby dell’Île-de-France.

“La Ligue Île-de-France mette in contatto candidati e aziende assunti da Pôle emploi con un club di rugby. L’idea è di metterli nell’atmosfera del rugby e convincerli ad avere un lavoro di appuntamenti di successo”, spiega Al tempo del Rugby Vincent Pubert, volontario presso l’Ile-de-France Rugby League, responsabile del sostegno all’occupazione.

Le aziende possono identificare le qualità dei candidati

Quel giorno, il club Yvelinois di Piacere Rugby Club ha accolto i partecipanti, nel complesso tennistico coperto accanto ai campi da rugby, a causa della pioggia. Una decina di allenatori del club hanno condotto i vari workshop. Sei gruppi di persone in cerca di lavoro e datori di lavoro mescolati in modo anonimo, sono stati immersi nel mondo del rugby attraverso esercitazioni senza contatto. “Le aziende possono identificare il competenze trasversalile qualità personali dei candidati”, sottolinea il membro della Ile-de-France Rugby League.

Tra i responsabili delle esercitazioni, il dirigente senior del PRC Sébastien Roncali. “C’erano persone molto motivate a partecipare a tutti i workshop. Abbiamo lavorato su cose divertenti: un po’ di manipolazione della palla, un gioco di passaggi di squadra e rimesse laterali. “, precisa l’allenatore del Piacere.

Il rugby richiede coesione, comunicazione, attuazione delle istruzioni. Possiamo facilmente tracciare un parallelo con il mondo del lavoro.

Sebastian RoncaliAllenatore del club di rugby Plaisir
Attraverso workshop supervisionati da allenatori di rugby, i datori di lavoro hanno potuto giudicare le caratteristiche individuali dei candidati.
Attraverso workshop condotti da allenatori di rugby, i datori di lavoro hanno potuto giudicare le caratteristiche individuali dei candidati. (©ND, per le notizie sul rugby)

Un workshop attraverso un tocco di rugby

Quando le istruzioni per fare le chiavi sono annunciati da Sébastien Roncali, il capitano del gruppo Cyril Lhemery riunisce i suoi compagni per la mattinata. L’organizzazione per dare un tocco di rugby può iniziare. “C’è una persona che lancia e gli altri possono sollevare il maglione nel miglior modo possibile”, suggerisce Cyril Lhemery, responsabile dell’agenzia Pôle Emploi de Plaisir.

Di fronte a lui, Houyam Lazrak, candidato per un posto di lavoro in IT, suggerisce: “Dovremmo mettere una persona a destra, una persona a sinistra e una terza dietro. E Virginie Le Pape, responsabile di un’agenzia di lavoro interinale, conclude: “Ci dovrebbe essere anche una persona davanti, se mai il saltatore andrà avanti”. Dal primo lancio, la chiave ha successo!

Alcune persone in cerca di lavoro non avevano mai toccato un pallone da rugby;  altri hanno riacquistato la fiducia in se stessi.
Alcune persone in cerca di lavoro non avevano mai toccato un pallone da rugby; altri hanno riacquistato la fiducia in se stessi. (©ND, per le notizie sul rugby)

Le persone in cerca di lavoro hanno riacquistato fiducia

“Era la prima volta che giocavo a rugby. La nozione di squadra è molto importante in questo sport. Senza il filtro dell’intervista formale per il reclutamento, è un’ottima iniziativa”, afferma Al tempo del Rugby Houyam Lazrak. Il capo dell’agenzia Pôle Emploi de Plaisir ha partecipato all’identificazione dei datori di lavoro e delle persone in cerca di lavoro per organizzare questa giornata. Al centro dell’esperienza all’interno dei gruppi, Cyril Lhemery è soddisfatto di questa mattina: “Abbiamo visto persone in cerca di lavoro che all’inizio erano in ritiro. A poco a poco hanno preso un po’ di fiducia e hanno partecipato pienamente a tutti gli eventi”.

Video: attualmente su Actu

Da parte sua, Virginie Le Pape sì identificato alcune personalità interessanti per la sua agenzia di lavoro interinale con sede a Coignières. “Siamo stati in grado di vedere alcuni tratti caratteriali che sono emersi in alcune persone”, osserva alla fine della mattinata. Come altri datori di lavoro e persone in cerca di lavoro, lo ha fatto in attesa di interviste nel pomeriggio per sollevare l’anonimato di tutti e portare a una conclusione positiva questo particolare appuntamento di lavoro.

Membro del comitato direttivo della FFR, Florian Grill chiede di avere accesso al rapporto completo dell'indagine interna condotta dalla FFR.
Il presidente della Ile-de-France Rugby League, Florian Grill annuncia un “eccellente record” per l’operazione “Du Stade à l’emploi”. (©Icona Sport)

Trenta date nel 2023

Dall’inizio dell’anno, nove sessioni “Dallo stadio all’occupazione” è stato co-organizzato da Pôle emploi e dalla Ile-de-France Rugby League in nove diversi club. “Il record è eccellente. Abbiamo coinvolto più di 130 rappresentanti aziendali, quasi 1.000 candidati. Il tasso di rientro al lavoro a tre mesi misurato da Pôle Emploi nei primi appuntamenti è del 64%. È un modo per reclutare in modo diverso. Vediamo i sorrisi delle persone”, dice Floriano Grill.

Il presidente della Lega di rugby dell’Île-de-France, ex candidato alla presidenza della FFR, sta già discutendo con l’Agenzia nazionale dello sport, Pôle Emploi e il Comitato organizzatore dei Giochi olimpici di Parigi 2024 per l’anno 2023. “In Île-de-France, avremmo la possibilità di 100 date. Per il momento, si parla di una trentina di date nel 2023”, confida. Nel frattempo, l’ultima tappa “Dallo stadio all’occupazione” è prevista per il 29 novembre a Saint-Ouen L’Aumône.

Nicolas DENDRI

Questo articolo ti è stato utile? Sappi che puoi seguire Actu Rugby nello spazio Le mie notizie . In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le news delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *