MHR-Stade Français: Montpellier conclude la sua serie nera contro i parigini al GGL Stadium (23-19)

Dopo una serie di quattro sconfitte consecutive, l’MHR è riuscito a resistere allo Stade Français, questo sabato, al GGL Stadium (23-19). Grazie in particolare a una meta di Bécognée all’inizio della partita, i Cistes hanno saputo resistere al ritorno degli oppressivi parigini negli ultimi istanti. Lo Stade Français prende il bonus difensivo.

Tra una squadra in pieno dubbio (Montpellier) e un’altra in pieno svolgimento (Parigi), gli spettatori del GGL Stadium si aspettavano una partita dura e serrata. È stato! Nel primo periodo, Parra e Reinach hanno usato il gioco di gambe per dare un vantaggio ai loro partner. In questa piccola partita, Montpellier ha finito per approfittarne all’inizio della partita.

A seguito di un pallone recuperato in un ruck, a cinque metri dall’area di meta dei Roses, i Cistes hanno dato il via alla resa dei conti con i propri attaccanti. Dopo diverse percussioni, Alexandre Bécogné è riuscito a registrare la sua terza meta stagionale (7-0, 9°). Ben lanciato in questa parte, Montpellier ha insistito su questa stessa strada. In difficoltà, Parigi ha moltiplicato le colpe. Pesenti ha pagato per gli altri e ha ricevuto il cartellino giallo. Allo stesso tempo, Carbonel ha colto l’occasione per penalizzare i suoi avversari e dare un vantaggio migliore agli Héraultais (10-0, 21°).

Ma lo Stade Français Paris ha dimostrato di avere risorse e soprattutto la bottiglia. In inferiorità numerica, interrompendo il gioco, i compagni di Gabrillagues sono riusciti a sgranocchiare punti con lo stivale di Sanchez. Dopo un primo fallimento ad inizio partita (2°), l’artigiano argentino ha messo nel mirino oltre i 35 metri (25° e 36°, 10-6). Il dubbio si stabilì nelle teste delle Ciste, che vissero un primo periodo da incubo a contatto con cinque munizioni perse.

Montpellier al forcipe!

Al ritorno dagli spogliatoi, l’MHR ha fatto un’ottima partenza, come il primo atto. Dopo un insuccesso ai piedi del Carbonel, i Cistes ripresero a salire a bordo. A seguito di una forza dagli attaccanti, “Carbo” ha trovato Rattez su un passaggio saltato. Sulla sua fascia, l’esterno si è allungato in tutta la sua lunghezza per riuscire a finire il calcio d’angolo (48′, 17-6). Con un nuovo rigore di Carbonel, Montpellier si crede al sicuro da un improbabile ritorno dei parigini (54′, 20-6).

Infine, è alle spalle che gli uomini di Gonzalo Quesada sono i più forti. Dopo una magistrale penalità di Segonds, i parigini hanno intrapreso una mazza portata. Come un imbroglione, Habel-Kuffner finse di staccarsi da esso all’esterno. Allo stesso tempo, JJ Van der Mescht ha attaccato la fascia chiusa e ha concluso il colpo a pochi centimetri dal palo (48°, 20-11). Sulla linea, Segonds ha fatto parlare il suo talento da gol per avvicinare la sua gente (20-13).

In alternativa, Carbonel (65°, 23-13) e Segonds (69°, 23-16) sono riusciti ad aggiungere tre punti per mantenere il distacco. A due minuti dalla fine della partita, il primo gol dello Stade Français ha avuto la palla per consentire ai parigini di riportare un bonus difensivo.

Il suo tentativo ha colpito il palo sinistro, ma sotto, uno dei suoi compagni, in un pasticcio, ha raccolto la palla. A un metro dall’area di porta, tra i pali, i compagni di Gabrillagues pensavano di poter prendere il pareggio. Dopo l’ennesimo fallo di Camara, Quesada e il suo staff hanno richiamato i loro giocatori in se stessi. Segonds, a dieci metri dai pali, ha aggiunto tre punti per convalidare il bonus difensivo (23-19).

Paris è felice di questo risultato: “Prendiamo un punto a Montpellier, va bene, ha esultato Segonds con Canal +. Ci eravamo detti delle cose questa settimana. Ci aspettavamo una grande battaglia. Abbiamo commesso degli errori. Complimenti a loro. Ma conterà su questo punto.

In campo MHR la prestazione non è stata di gradimento di Anthony Bouthier: “Dopo quattro sconfitte non avevamo scelta, ma non è stata bella, ha ammesso la schiena al microfono di Canal+. Abbiamo perso molti palloni. C’è ancora molto lavoro. Siamo felici di vincere, ma dobbiamo tornare a lavorare. È stata una partita di pressione. Per essere rassicurati basta giocare. Ma non avevamo troppi palloni. Dobbiamo mettere meglio il nostro gioco, a fine partita per noi faceva caldo, vicino alla crisi il Cistes deve accontentarsi in attesa di giorni migliori.

Montpellier – Stade Français, una partita da rivivere qui, con Rugbyrama :

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *