Mondiali 2022 – I favoriti tutt’altro che risparmiati dall’infortunio

Germania

Timo Werner avrebbe dovuto essere il centravanti della Germania, ma un infortunio alla caviglia sinistra lo metterà da parte fino alla fine dell’anno solare. Assenti per quattro settimane tra i pali del Bayern Monaco, Manuel Neuer (spalla) è tornato sabato, come Leroy Sané dopo uno strappo muscolare. Thomas Müller, invece, ha giocato solo frammenti di partite dalla fine di settembre a causa di problemi ricorrenti all’anca e al bacino. Infine, nel settore difensivo, Antonio Rüdiger, imbarazzato con l’anca secondo la stampa, non dovrebbe giocare le ultime due partite del Real Madrid.

Inghilterra

In Inghilterra gli infortunati sono concentrati nel settore difensivo. Sabato, Ben Chilwell è stato il primo a gettare definitivamente la spugna dopo una scansione ai muscoli posteriori della coscia, mentre il suo compagno di squadra Reece James, anche se non giocherà più prima dell’annuncio della selezione il 10 novembre, spera ancora di essere in lista . Sostanzialmente nella stessa posizione, Kyle Walker potrebbe essere consegnato in tempo, proprio come il suo compagno di squadra del Manchester City, Kalvin Phillips.

argentino

Infiammazione del tendine d’Achille” che tocca Lionel Messi ha senza dubbio fatto rabbrividire i tifosi dell’Albiceleste. Ma il Pulga è atteso per la prossima partita del Paris SG di domenica. Il difensore centrale Christian Romero (infortunio muscolare) non giocherà più con il Tottenham prima del Mondiale ma dovrebbe essere in grado di tenere il suo posto in selezione, come Angel Di Maria, tornato alla Juventus Paulo Dybala è assente dall’infortunio del 9 ottobre, ma non è escluso che domenica sarà nel girone della Roma Sembra più complicato per Giovani Lo Celso: l’esterno del Villarreal è uscito per infortunio il 30 ottobre lamentando una coscia e nella migliore delle ipotesi sarebbe il ritorno agli ottavi.

Belgio

Il Belgio è preoccupato per l’attaccante Romelu Lukaku: l’attaccante dell’Inter ha una ricaduta per un infortunio alla coscia ed è in cura in Belgio. Alcuni media annunciano il pacchetto Belgio-Canada del 23 novembre. Alexis Saelemaekers (AC Milan), ginocchio infortunato, potrebbe non riprendersi in tempo. Thomas Meunier (Borussia Dortmund), vittima di una frattura allo zigomo, ha saltato cinque partite ma resta fiducioso di esserci.

Brasile

L’attaccante Richarlison, infortunato al polpaccio, dovrebbe riprendere gli allenamenti collettivi nei prossimi giorni con il Tottenham ed è bene nella lista di Tite svelata lunedì, come Lucas Paqueta, tornato in campo con il West Ham, e Gleison Bremer, titolare con la Juve domenica.

Spagna

La Spagna è risparmiata: fragili solo Eric Garcia (fastidio muscolare) e Mikel Oyarzabal, di nuovo in allenamento dopo un lungo infortunio al ginocchio. Ma si applicano.

Francia

I campioni del mondo 2018, Paul Pogba e N’Golo Kanté si sono ritirati. Il tecnico Didier Deschamps scruta con preoccupazione il recupero di due importanti difensori: Raphaël Varane (coscia) e Presnel Kimpembe (tendine d’Achille). Il primo non giocherà più, a priori, con il Manchester United prima del Mondiale. La seconda, invece, è auspicabile con il PSG domenica. Altri giocatori restano fragili: Jules Koundé (dolore muscolare a una coscia) e Karim Benzema, assente lunedì con il Real. Mike Maignan è dalla parte incerta (polpaccio).

Olanda

Georginio Wijnaldum, vittima di una frattura alla tibia, si è ritirato. Ma l’Olanda è generalmente risparmiata: Martin De Roon (coscia) è tornato in gara questo fine settimana, e Matthijs de Ligt (ginocchio) dovrebbe tornare sabato con il Bayern.

Portogallo

Pepe, 39 anni, è stato messo da parte dall’inizio di ottobre. “Una brutta ferita“, secondo il suo allenatore al Porto, Sergio Conceiçao, pessimista sulle sue possibilità di selezione. L’attaccante Diogo Jota è già fuori: “Parliamo tra mesi“, ha spiegato l’allenatore del Liverpool Jürgen Klopp dopo l’infortunio al polpaccio di metà ottobre. Anche il portiere Pedro Neto e il difensore Ricardo Pereira si sono ritirati.

Figlio, Davies, Vlahovic…

Vittima di afrattura orbitale“, il sudcoreano Heung-min Son teme il peggio, ma la porta resta aperta al Qatar. Il Senegal dovrà fare a meno di Bouna Sarr (ginocchio), mentre la Danimarca conta su Andreas Christensen (caviglia), convocato lunedì in lista. Il Canada, dal canto suo, è preoccupato per Alphonso Davies (coscia), ma il suo club ha assicurato che il suo Mondiale non è stato”non in pericolor”. Si spera in questa settimana il fuoriclasse serbo della Juve, Dusan Vlahovic, vittima di pubalgia. Infine, l’Uruguay teme l’assenza di Edinson Cavani, infortunato ad una caviglia ma che dovrebbe rientrare in tempo. Ronald Araujo (Barcellona), gravemente infortunato a fine settembre a una coscia, è attualmente in trattativa per entrare a far parte della sua selezione nonostante tutto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *