• Home
  • Mondiali: tutto quello che c’è da sapere sull’Argentina

Mondiali: tutto quello che c’è da sapere sull’Argentina

0 comments

Prima semifinale dei Mondiali 2022 in Qatar questo martedì. L’Argentina di Messi tiene testa alla Croazia di Modric.

La partita del giorno

90 minuti, forse 120 con un bonus ai rigori: Argentina e Croazia si giocano un posto nella finale del Mondiale 2022 questo martedì sera. L’Argentina aveva già raggiunto (e perso) la finale dell’edizione 2014come Croazia nel 2018. La differenza è che l’Abiceleste è stato incoronato nel 1978 e nel 1986, quando la giovane Croazia sta inseguendo il primo titolo della sua storia.

I compagni di squadra di Lionel Messi, che spesso dominano ma mancano di realismo in questo Mondiale, escono da una qualificazione di misura contro l’Olanda (2-2, 4-3 ai rigori). È ancora più laborioso per i croati, caduti del Giappone (1-1, 3-1 ai rigori) e Grande Brasile (1-1, 4-2 ai rigori). Esito atteso questo martedì allo stadio Lusail, nell’omonima città.

Il palinsesto e il canale di trasmissione

Argentina – Croazia (Semi finale): 20 ore (TF1, BEIN Sport 1)

Le novità degli azzurri

Chi dice che la vigilia della partita dice i nomi importanti in una conferenza stampa. Prima della semifinale contro il Marocco di mercoledì (20), il capitano della Francia, Hugo Lloris, e l’allenatore, Didier Deschamps, si presentano questa mattina ai microfoni alle 10:00. I Blues si alleneranno più tardi alle 17:00 (19:00 ora locale).

Le parole di Lionel Scaloni

L’allenatore dell’Argentina Lionel Scaloni non ha minimizzato l’importanza di questa semifinale. “Giochiamo per l’Argentina, le nostre famiglie, ha ricordato Scaloni in conferenza stampa lunedì. Siamo grati ai tifosi argentini. Sappiamo quanto costa venire. Soffrono con noi ogni partita, ci supportano.Scaloni ha schivato anche il discorso del 35enne Lionel Messi, il cui “vedremo se continua o nocon la selezione al termine dei Mondiali.

GUARDA ANCHE – Messi è diventato il capocannoniere dell’Argentina ai Mondiali unendosi a Batistuta

Giocatore da tenere d’occhio: Luka Modric (Croazia)

Come ovvio. Perché brilla ancora, a 37 anni, in questo centrocampo croato. Con la sua camicia a scacchi, scivola a terra come il re si muove su una scacchiera. Avanti, indietro o in diagonale, Luka Modric è ovunque, sempre, in questo Mondiale.

L’artista del Real Madrid ha acceso la luce ancora e ancora contro il Brasile nei quarti di finale. Dalla sua capacità di contrastare il pressing, di trovare i passaggi giusti. I circoli argentini hanno mostrato una tendenza a disperdersi. Per quella che sarà la sua 161esima e forse ultima presenza con la Croazia, Modric sarà ancora uno da tenere d’occhio. Anche da ammirare.

Luka Modric, centrocampista e capitano della Croazia contro il Brasile nei quarti di finale del Mondiale. JACK GUEZ / AFP

Espressione del giorno: volume di gioco

“Ciò che mi colpisce di Antoine Griezmann è il suo volume di gioco”. Non hai capito questa frase sentita al volo in un bar? Nel calcio, il “volume di gioco” può essere equiparato alla resistenza. Avere un grande volume significa coprire una grande porzione di terreno, duplicare gli sforzi, essere costantemente presenti.

SERVIZITrova 200 espressioni e aneddoti di leggende del calcio!

È una qualità ricorrente tra i migliori centrocampisti (Modric Ounahi o Bellingham in questo Mondiale). In Francia, è stato uno dei grandi punti di forza di Blaise Matuidi o N’Golo Kanté, tra gli altri.

Dal 1930, tutti i percorsi degli azzurri ai Mondiali

Vai alla presentazione (15)

GUARDA ANCHE – Mondiali in Qatar: i Blues vicinissimi a una nuova incoronazione?

SERVIZIO – Scopri la sezione Pronostici Mondiali 2022

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}