MotoGP 2022: Francia campione del mondo di spettatori!

Quindi, ci sono siti che non piacciono molto ai francesi, è un loro diritto, e che trovano tutti gli espedienti possibili per spiegare che il GP di Francia è stato battuto da molti paesi in termini di spettatori. A parte questo amo Claude Michy, il promotore del GP di Francia, che chiamo Signor More perché l’occupazione degli spettatori è la sua ossessione, che siamo primi o meno non mi interessa proprio, mi diverte solo contraddire le persone in malafede.
La tabella sopra rappresenta quindi l’esercizio. È interessante perché se dà risultati su tre giorni, ho già detto quello che ne penso, dà anche i dettagli, quindi il risultato di domenica. Detto tra noi, del resto, non vedo proprio il senso di spendere un solo centesimo per andare a vedere solo le prove libere del venerdì o il mini GP del sabato… A dire il vero, se la pole è interessante, farla vivere sul posto o sul TV, è molto più vivace sugli strani lucernari che sul bordo del circuito, ovviamente ci sono schermi grandi chiamati giganti ma non è facile guardare uno schermo e quello che sta accadendo sotto i tuoi occhi contemporaneamente agli occhi… E poi quando sono lì scrivo e mi rendo conto che alla fine non guardo niente di quello che succede in pista. Quindi ci sono i medici di base dove lascio cadere la tastiera, vado a sedermi in tribuna dove trovo posto, poi faccio il mio reportage, ma quello è per esperienza, che in effetti è preferito tra i giornalisti, devi solo muovere il c.. ., che non è più molto di moda nella professione ma se ne è rimasto solo uno... Perché laggiù c’è il magic vroom… Certo è che un tempo, al Ricard, ma fu demolito, c’era la famosa torre Marlboro che mostrava risultati visibili da lontano, era in cima. Bene come Ricard ha perso la MotoGP e ora la F1, il Bol d’Or dovrà ricostruire una torre… Che si chiamerà Bol d’Or o Larivière, non importa, lo troviamo su tutti i grandi circuiti negli Stati Uniti ed è enorme. Altra cosa che vediamo esibita negli stadi dove si svolge il Supercross, il numero di spettatori oltre agli arrivi, quando ad esempio battiamo un record, del luogo, dello Stato o degli USA l’annunciatore mette in delirio la folla. A Le Mans c’è la torre Michelin (conosciuta come il Totem) che dà ad esempio i gap nell’endurance, ma è usata solo dalle persone ai box. Al Moto GP porta solo pubblicità ma per il resto i maxischermi che mostrano il segnale della Dorna hanno quindi anche i tempi sulla colonna di sinistra. Quindi seguiamo come vogliamo (bene se abbiamo una buona visuale) e in più abbiamo l’atmosfera. Perché il vero segreto del GP di Francia è lì, ad esempio Claude Michy mi ha ricordato che su molti circuiti una volta terminata l’ultima sessione, dicono le cinque, tutto è finito, tutto sta diventando torbido, sta diventando la zona che Coluche avrebbe detto. A Le Mans è qui che inizia la magia, con intrattenimento permanente, uno spazio per incontrare i piloti, acrobazie in pista, concerti serali, insomma la festa in tutto il suo splendore. Il che, torno al punto iniziale, spiega anche perché posti molto grandi come il Mugello, Barcellona o Silverstone sono caldi… come la pioggia, la buona Misano e la sua figura senza speranza si spiegano con il mare e la visita di San Marino che sono molto vicini. E così il deserto serale…
Per quanto riguarda Assen, ho già spiegato che prosciuga la metà occidentale della Germania, aiuta, ma sono battuti di poco ma battuti da Le Mans, lì c’è anche il luogo e la sua storia (è l’unico circuito usato dal GP da allora la creazione del campionato nel 1949) che ne fa un must. E poi l’Ijsselmeer, questo mare interno olandese a sessanta km di distanza, è qualcosa da vedere assolutamente.
Certo, penseremo che avere due piloti nella Top ten aiuti il ​​GP di Francia, ma in Italia e in Spagna ce ne sono dieci volte di più, argomento non accettato Vostro Onore…

Così ? Un altro indizio… Al Sachsenring ad esempio, altro successo colossale, già venduto un quarto dei posti in tribuna per il 2023… Ed è il 18 giugno, un mese dopo Le Mans. Comunque Le Mans sta vendendo tutti i suoi posti in tribuna molto velocemente, andando sul sito del GP credo di aver capito che a parte la roba molto costosa, e di nuovo, è già tutto esaurito. Il biglietto del recinto generale, con 4000 posti in tribuna non numerata, tutti i posti in erba, l’animazione, i concerti, il walkman che permette di ascoltare i commenti della gara, costa per il momento 93 euro ma che salite a 98. Detto questo, ci sono richieste per la costruzione di ulteriori tribune alla prefettura, se va bene dovrà andare molto in fretta. Se fossi in te, spuntavo già la casella 12/14 maggio su tutte le agende, sui muri, ovunque, ma soprattutto andrei a comprarle… Altrimenti, se è troppo lontano da casa, c’è Barcellona e l’Italia, la migliore ovviamente Assen, per lo sport e per il pubblico specialissimo perché un olandese sa fare rumore! Ma il top resta la Bugatti… In bocca al lupo per i biglietti…

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *