• Home
  • MotoGP: Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo parlano di Rossi, Puig e del loro primo incontro

MotoGP: Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo parlano di Rossi, Puig e del loro primo incontro

0 comments

In un programma presentato da Dazn, Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo ricordano la loro infanzia, la loro prima partita, ma anche Valentino Rossi, di cui svelano il segreto del suo successo in pista. I due uomini hanno avuto a che fare anche con Alberto Puig il cui ritratto è interessante. E poi Dani Pedrosa spiega come l’idea del ritiro finisca per imporsi a un pilota. Vere confessioni…

In questa opera spagnola trasmessa da Motosantroviamo anche intorno al tavolo Jorge Aspar Martínez et Alex Criville. Tuttavia, questi sono buoni Giorgio Lorenzo et I giorni di Pedrosa che siglano la pole position dell’interesse. E inizia con questa rivelazione sul loro primissimo incontro. Giorgio Lorenzo Commenti: ” Mi hanno detto c’è un ragazzino che ti disturberà, che è piccolissimo e va velocissimo. Il padre del mio migliore amico mi ha detto che li abbiamo invitati a una gara ed erano nel paddock “. Aggiunge : ” mi hanno detto che hanno fotografato tutti i piloti di Movistar e che ce n’era uno super basso che va fortissimo e si chiama Dani Pedrosa ».

I giorni di Pedrosa ha anche la sua versione: “Penso che la prima volta che ho incontrato Jorge sia stato nel campionato spagnolo. Lo conoscevo già e mi hanno detto ” c’è un ragazzino minuscolo che vince ogni gara e non lascia vincere nessuno« .

I due sono cresciuti come sappiamo e si sono conosciuti Valenti Rossi. Un pilota dallo stile particolare che si svela qui. I giorni di Pedrosa annuncio: ” la strategia che ha usato Rossi non doveva essere il più veloceche era per esempio la mia mentalità. Il suo era: “Sto uscendo, e se posso fermarlo, lo fermerò”. Ti ha bloccato finché non ti sei innervosito e hai commesso errori. Lo ha fatto a Stoner, lo ha fatto spesso a me. Mi ci è voluto un po’ per cambiare strategia ».

Dani Pedrosa e la strategia usata da Valentino Rossi contro se stesso e Casey Stoner

Daniele Pedrosa: « Rossi ti ha bloccato finché non ti sei innervosito e hai sbagliato«

Giorgio Lorenzo cavalieri e dà mette i dettagli tecnici: « stava preparando la moto per frenare in ritardo. Ha messo più forte la forcella, ha iniziato a frenare sempre con il gas aperto e lo ha fatto un po’ più tardi degli altri. Non potevo farlo perché avevo la mano più corta. Stavo preparando la moto per fare di più in curva. Ad esempio, a Montmeló 2009, era impossibile sorpassarlo in frenata perché ha frenato quindici metri dopo ».

I due percorsi incrociati con il marziale Alberto Puig. Ecco il loro feeling, a partire da Dani Pedrosa, che lo ha avuto al suo fianco fin dall’adolescenza: ” è molto appassionato. Vuole davvero fare bene. Sono cresciuto al suo fianco. Dall’età di 13 anni fino all’età adulta, mi sono immerso nello stare con lui “. Por Fuera lo scoprì proprio alla fine della sua carriera: ” è un personaggio infernale. Molto diretto, molto sincero. Sa molto sulle corse e ha molto rispetto e comprensione per i piloti. Il 2019 è stato molto difficile per me, ma non mi ha messo sotto pressione. Mi ha supportato, è stato molto paziente e molto empatico ».

Poiché si affronta il tema del pensionamento, l’ultima parola va ad a I giorni di Pedrosa alla proverbiale chiaroveggenza: è come se qualcosa bussasse alla porta a poco a poco, o almeno questo è quello che è successo a me. Improvvisamente un giorno hai una sensazione, ma vai avanti. E poi, dopo tanto tempo, un’altra chiamata, e in un certo senso la rifiuti. E poi queste chiamate sono sempre più costanti ».

Quest’ultima chiamata a cui Pedrossa si riferisce era all’ospedale: ” alla fine, un giorno, mi sono schiantato con un altro pilota, hanno dovuto operarmi la mano. Ero in ospedale, mi sono svegliato dall’operazione e c’erano i miei genitori e gliel’ho detto ” questo è tutto “. Non volevo essere in ospedale tutti i giorni. Questo è ciò che mi ha fatto prendere questa decisione più seriamente. » termina il test pilota KTM.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}