• Home
  • MotoGP, David Dumain dà i suoi cartellini rossi e i suoi lati positivi: “sulla direzione della gara, questo sport deve salire al livello dove deve essere”

MotoGP, David Dumain dà i suoi cartellini rossi e i suoi lati positivi: “sulla direzione della gara, questo sport deve salire al livello dove deve essere”

0 comments

Il nostro partner David Dumain, giornalista emerito, ex voce della MotoGP su Canal+, nonché autore, pilota, altrettanto coinvolto nell’avventura anglofona ma francesissima Brough Superior, ha stilato il suo inventario di una stagione 2022 non avara con colpi di scena. Ecco i suoi cartellini rossi e i suoi punti positivi, posizioni che inevitabilmente faranno discutere…

Davide Dumain è un must nel panorama motociclistico tricolore e la sua competenza getta sempre una luce particolare poiché esce dai sentieri battuti. SU FranciaRacingha dato la sua opinione sulla stagione 2022 della MotoGP, posizioni franche che ritroveremo qui, ogni ora di pranzo, fino ad esaurimento scorte…

Aveva iniziato la sua riflessione interrogandosi sulla politica KTM in termini di risorse umane con il caso Remy Gardner. Ha poi proseguito Fabio Quartararocon una rivelazione sulla sua bassa stagione che ha fatto reagisce il Campione del Mondo e sollevò quelli intorno a lui. Continuando sullo slancio francese, si è fermato sul caso di Giovanni Zarco. Quindi ha attivato l’allerta sul ritiro prematuro di Suzuki che, collocato nel contesto della strategia industriale, potrebbe costituire un precedente. Il suo ultimo post riguardava il caso di a Enea Bastianini promesso ai francesi un futuro radioso. Adesso è la sua fibra pilota che si esprime su certi eventi visti quest’anno e che lo sfidano anche al di là della sola questione della sicurezza…

Nulla da dire che l’evento visto alla gara della Moto2 in Australia sia rimasto in gola Davide Dumain. Si ricorderà che in questa occasione, Giorgio Navarro et Simone Corsi appeso. Il primo cittadino è rimasto seduto, a ridosso della pista, con il casco tolto, a causa di una doppia frattura alla gamba. La bandiera rossa non è mai stata rilasciata per evacuare i malcapitati, né per tutelare i commissari di pista che dovevano cavarsela sotto la bandiera gialla.

Davide Dumain

Davide Dumain: « puoi avvicinarti a una certa riduzione del rischio essendo umano e intelligente. Questo è quello che chiediamo a un direttore di gara«

La procedura è stata successivamente riconosciuta da carmelo ezpeletta, ma ben dopo, come sicuramente un errore. Ma per Davide Dumainancora non passa: il rischio zero non esiste negli sport motoristici, e in particolare sui motocicli a causa del rischio di percussione esordisce l’ex pilota che ha vissuto gli orrori dell’infortunio. ” Dal momento in cui ci sono rischi di percussione, non c’è rischio zero. Tra rischio zero e fare in moto a pochi metri da un motociclista ferito che si è tolto il casco e parenti dei commissari che non hanno chiesto nullae che non sono lì per rischiare la vita, c’è una differenza ».

Aggiunge : ” puoi avvicinarti a una certa riduzione del rischio essendo umano e intelligente. Questo è quello che chiediamo a un direttore di gara e, a prescindere dai palinsesti, non vale una vita! Un pilota accetta il rischio, questo si chiama rischio accettato “. Elabora anche questo evento: è vigliaccheria manageriale, in relazione alle responsabilità loro affidate! Devono assumersi la responsabilità di respingere i programmi per salvare vite umane. Questo sport deve arrivare dove deve essere ».

Poi finisce sul progetto di un pulsante sul manubrio della MotoGP che i piloti attiverebbero per richiedere una bandiera rossa, la direzione gara si occuperebbe poi di contare i voti per aiutare nella loro decisione… Davide Dumain sembra abbastanza dubbio e tanto più che ” i commissari di pista informano sufficientemente la direzione gara in pista. Non è molto difficile sapere che ci sono situazioni rischiose. In Australia aveva senso conclude. Ci vediamo domani a mezzogiorno stesso posto per il resto…

MotoGP

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}