MotoGP: Joan Mir non ha mai avuto la stagione peggiore della sua carriera e sta pensando di operarsi

Ma cosa sta succedendo a Joan Mir? Il pilota ufficiale Suzuki che chiuderà il box in MotoGP dal Gran Premio di Valencia questo fine settimana, sta per convalidare la sua peggiore stagione in carriera non solo in MotoGP ma anche nel Gran Premio. Non è mai caduto così tanto come quest’anno, né è stato classificato così male. Ha anche sperimentato gli orrori dell’infortunio e del pacco. Tutto questo prima di entrare a far parte del team Repsol Honda come compagno di squadra di Marc Marquez, un’avventura che nessuno dei suoi predecessori è riuscito. Dovrà quindi essere in buona forma rapidamente con una mente di ferro. Inoltre, sta pensando di sottoporsi ad un intervento chirurgico…

Guardando l’attuale corso di Giovanna Mir in MotoGP ricordando di essere stato Campione del Mondo nel 2020, finiamo per chiederci se non sia caduta una maledizione sugli eroi di questa stagione rivisti e corretti dall’emergenza sanitaria. Una domanda che richiama ancora di più quando vediamo la situazione deprimente nel 2022 del suo vicecampione di allora, che altro non era che Franco Morbidelli

Giovanna Mir è in quattro stagioni nella categoria regina, tutte con i colori di Suzukie sta per affrontare una nuova sfida a Repsol Honda nel 2023. Un arrivo che sarà discreto perché attualmente sta vivendo la peggiore stagione della sua carriera. Prima della scadenza del Valenza di questo fine settimana, il maiorchino è 15° assoluto mentre nella sua peggiore stagione nella classe regina è arrivato 12°, nel 2019, con 92 punti, 15 in più di quelli che ha attualmente. . In altre parole, a meno che domenica non sia terzo e metta a segno 16 punti, non avrà mai fatto meno bene come pilota, non solo in prima classe, ma per tutta la sua carriera nel Mondiale.

Joan Mir in corsa per la peggiore stagione della sua carriera... di gran lunga

Joan Mir : « Non posso permettere che succeda di nuovo«

In 19 gare quest’anno, Mir ha segnato solo in 12 occasioni. Sicuramente ci sono stati degli infortuni, ma il pilota non ha mai fatto così tanti giri senza segnare da quando è arrivato nel campionato del mondo a tempo pieno nel 2016. Di queste dodici gare senza punteggio, la metà, sei, erano dovute a cadute. Giovanna Mir non era mai caduto così tante volte nella stessa stagione. Durante la sua prima stagione da pilota ufficiale della Moto3, è caduto solo quattro volte. L’ultima volta che ha segnato punti è stato a Aste, nel mese di giugno. E nelle ultime gare che ha concluso, in Australia e Malesia, è arrivato 18° e 19°. A Valenzano, Mir tenterà di completare con successo questi quattro anni con Suzukidove è diventato campione del mondo nel 2020. Soprattutto perché l’anno prossimo, sia per Mir o Hondadovremo dimenticare la debacle registrata dai risultati del 2022.

Come se non bastasse, in Malesia è sorto un problema di sindrome compartimentale…” Sembra che abbia avuto un episodio di sindrome compartimentale. Negli anni precedenti ne ho sofferto un po’, perché è piuttosto impegnativo. Ma non così. Ho perso tutta la forza del mio braccio destro “dice il membro del team diAlex Rins, vincitore in Australia. ” Abbiamo pensato al motivo per cui abbiamo avuto questo problema, abbiamo cambiato una leva anteriore all’inizio del weekend, perché l’avevo suggerito io. Poi ho avuto anche io problemi di stomaco il che potrebbe aver peggiorato un po’ le cose, e forse è proprio questo che ha causato questo grosso problema “, cerca di analizzare Giovanna Mir.

« Quello che mi rattrista è che non l’ho visto arrivare Aggiunge. ” Abbiamo parlato con il fisioterapista, con il quale Mi lamento sempre un po’ della mia schiena o del mio collo, ma non mi lamento mai del mio braccio. Voglio vedere il dottore in modo che non succeda di nuovo, perché non posso permettere che accada di nuovo. Non c’è motivo per finire il fine settimana in questo modo “. Questo fine settimana farà il Gran Premio di Valencia, ma soprattutto, sulla stessa pista di Riccardo Tormo, farà la sua prima esperienza con la Hondail martedì 8 novembre. Dovrà rispettare queste scadenze prima di pensare a lui e a un’operazione: ” Penso che possa essere una buona opzione “, conclude su questo argomento intero circuito.

Giovanna Mir

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *