• Home
  • Nans Ducuing, il piantagrane dell’UBB, lancia il suo marchio di abbigliamento, Third Degree

Nans Ducuing, il piantagrane dell’UBB, lancia il suo marchio di abbigliamento, Third Degree

0 comments

Quando non è in campo, il retro dell’UBB e “Barbarian” è questo giovane papà sulla trentina (ha compiuto 31 anni il 6 novembre) divertente e stravagante che fa dei social network la scena delle sue battute da scolaretto, che si sono estese da allora l’estate dal suo marchio di abbigliamento, Terzo grado. Ecco cosa lo fa uscire dalla cronaca sportiva: una linea di t-shirt, polo, felpe, maglioni, cappellini e berretti.

Stile elegante, in sintonia con i tempi, a volte pieno di frasi umoristiche nel terzo tempo, come “Non eravamo molti, ma eravamo pieni”, “Faccio piangere chi mi ha reso famoso” o “Questa ala è come la Garonna, straripa una volta all’anno, i suoi compagni di rugby sono i modelli.

Riqualificazione

Il piantagrane della Top 14 è felicissimo: “Nessuno mi ha fermato nelle mie stronzate. “E soprattutto non il capo dell’UBB. Laurent Marti gestisce il gruppo di distribuzione tessile TopTex e il marchio Kariban. La storia nasce da lì: in primavera, un giorno di formazione a Bègles, lo porta su nel suo ufficio. “Mi ha suggerito di fare qualcosa in questa nicchia umoristica”, dice Nans, poi “sbalordita”. Lavora con un designer, ritocca, convalida e prova “un piacere folle”. Questa avventura gli ha fatto passare il tempo che ha ritrovato da tempo visto che era stato infortunato e rinchiuso negli spogliatoi.

Anche l'italiano Federico Mori ha fatto da modello per le bizzarre foto di Nans Ducuing.


Anche l’italiano Federico Mori ha fatto da modello per le bizzarre foto di Nans Ducuing.

Romain Lafitte

I vestiti gli permettono di “non piangersi addosso”. E per vedere oltre quando suonerà la fine? ” Perché no “

Nans Ducuing ha vissuto l’inizio di stagione “più complicato” della sua carriera: pausa forzata – “non facile da gestire” quando sei uno sportivo professionista con la paura di essere messo da parte. Ha allenato e motivato il gruppo negli spogliatoi, interpretando quest’altro “ruolo”. I vestiti gli permettono di “non piangersi addosso”. E per vedere oltre quando suonerà la fine? “Perché no. È un brano che sto esplorando”, dice l’uomo che ha un guardaroba pieno di costumi a casa ea cui piace “recitare ruoli”.

“Sono sempre stato così, scherzavo, scherzavo. Il cinema, il teatro o una riqualificazione come consulente televisivo, tutto questo «lo attrae enormemente». Ma non vuole “sviarsi”. È un professionista e soprattutto un giocatore, sotto contratto fino al 2024, “motivato” e “determinato”. “Devi contare su di me”, dice colui che vuole dimostrare che si può “fare il tonto e giocare ad alto livello” e mettere a tacere il popolo scorbutico delle reti. “Mi piace essere atteso dietro l’angolo. »

“Percorsi di vita”

Nans è un ragazzo “serio senza prendersi sul serio”, dice come un mantra. “Non ho mai interpretato un ruolo. “Quando gli dicono “non sei cambiato” nel villaggio natale, in montagna, apprezza il “bel complimento”. Viene da Bazus-Aure, 130 abitanti, vicino a Saint-Lary (Alti Pirenei). ” So da dove vengo. “Sua madre allinea la sua stanza con foto e articoli per la gloria del figlio, che nulla è predestinato a questo successo.

Al giocatore piace descriversi come a


Al giocatore piace definirsi un ragazzo “serio senza prendersi sul serio”.

Romain Lafitte

Inizialmente, si considerava un osteopata. Dal punto di vista sportivo, ha sciato fino all’età di 15 anni, poi quando ha lasciato la sua valle per studiare a Perpignan, ha iniziato a giocare a rugby. L’Union Sportive Arlequins Perpignan-Roussillon (Usap) lo assume come promettente e nella forza lavoro professionistica la stagione successiva, quando scende in Pro D2 – è stato il primo sorpreso. “Se Perpignan non scende, sono osteo in montagna. »

Il destino bussa alla sua porta nel 2015 quando Marti viene a prenderlo, due anni prima la sua prima selezione per la squadra francese. Da qui lo stretto rapporto con il capo dell’UBB, “qualcuno integro, onesto, franco, mai un colpo alle spalle e malizioso”. “Amo queste personalità, che sanno lasciarsi andare. A Nans piace considerare questi “percorsi della vita” e pensa che “la fortuna sorride agli audaci”. E quindi a lui, che «non ha mai rinunciato a niente».

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}