Navigare. Infortunio, incidente grave, danni… Le battute d’arresto di Armel Le Cléac’h sulla Route du Rhum

Tra la Route du Rhum e Armel Le Cléac’h, è tutt’altro che una storia d’amore. Dopo due dolorose edizioni nel 2014 e nel 2018, lo skipper dell’Ultim Banca popolare XI non avrebbe potuto vincere la maledizione nel 2022 di questa corsa transatlantica tra Saint-Malo e Guadalupa, dove ha appena subito gravi danni questo giovedì 10 novembre. Il marinaio 45enne è costretto a tornare a Lorient per fare una diagnosi. I suoi sogni di vittoria e vendetta sono quindi definitivamente svaniti. Uno sguardo alle battute d’arresto di Armel Le Cléac’h sulla Route du Rhum.

2014 – Ferito a una mano, lascia il posto a Loïck Peyron… che vince

“Le ultime due edizioni sono state molto dolorose”, ha ricordato Armel Le Cléac’h, prima dell’inizio di questo 12e edizione della Route du Rhum. Nel 2014 il velista del Finistère settentrionale, che dovrebbe partire, gravemente ferito alla mano durante le vacanze. Ha subito una rottura del tendine, oltre a un nervo, e ha dovuto essere tenuto lontano dai pontoni per almeno sei mesi. “È una terribile delusione aver avuto questo incidente. Eravamo ben preparati per questa Route du Rhum, mi sentivo pronto per questa grande sfida ma è così che è…”, ha spiegato il vincitore del Solitaire du Figaro 2020 dopo questa delusione. Ma dove è ancora più crudele è che il suo sostituto Loïck Peyron… si è imposto sulla sua barca (Banca popolare VIII) in Guadalupa dopo 7 giorni, 15 ore e 8 minuti di regata.

2018 – Armel Le Cléac’h vicino a una tragedia

Quattro anni dopo, lo skipper Banque Populaire torna con una barca nuova di zecca – nel frattempo ha vinto il Vendée Globe 2016-2017 – e vuole prendersi la sua rivincita sulla Route du Rhum. Ma a pochi giorni dal via, è stato un grave incidente che ha messo fine all’avventura di Le Cléac’h, nonostante fosse il favorito tra gli Ultim con François Gabart. Il suo Maxi Banque Populaire IX si capovolse dopo che il suo galleggiante di babordo si ruppe. Il finisteriano non ha potuto attivare il suo segnale di soccorso per chiedere aiuto. “È successo tutto così velocemente. Le condizioni erano difficili, ma io ero concentrato sulla gara. All’improvviso, tutto è cambiato. Come un incidente d’auto, come se l’auto si ribaltasse, ha detto nel 2018.

Armel Le Cléac’h rimarrà per lunghe ore rinchiuso nello scafo della sua barcacompletamente dislocato e impossibile da riparare, prima che un peschereccio portoghese venisse a salvarlo per riportarlo al porto spagnolo di Vigo. “Siamo spaventati. Giochiamo la nostra vita. Cerchiamo di aggrapparci a ciò che possiamo, di sopravvivere”, disse Le Cleac’h.

2022 – I gravi danni distruggono le sue possibilità di vittoria

Quest’anno il Finisteriano, soprannominato “Lo Sciacallo”, ha voluto tornare nell’arena per vendicarsi finalmente. Ma ancora una volta, Armel Le Cléac’h ha incontrato difficoltà e ha subito gravi danni a meno di 24 ore dall’inizio della gara. Dopo l’ispezione, il bretone ha notato la rottura della deriva sotto il fondo dello scafo del suo Maxi banca popolare XI. Le Cléac’h e le sue squadre hanno quindi deciso di tornare a Lorient per effettuare una diagnosi.

LEGGI ANCHE. Strada del Rhum. 138 barche al via, quante al traguardo? Cosa dicono le precedenti edizioni

Comunque sia, il velista può già rinunciare alla vittoria finale, anche se riesce a rimettersi sulla strada per la Guadalupa. Decisamente, il destino della Route du Rhum lo sta perseguitando.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *