• Home
  • NBA – I Miami Heat di un ottimo Bam Adebayo soffocano i Boston Celtics nel money time

NBA – I Miami Heat di un ottimo Bam Adebayo soffocano i Boston Celtics nel money time

0 comments

La partita: Adebayo e gli Heat dominano i Celtics in money time

Con o senza vantaggio in casa, Miami sarà una squadra pericolosa in Oriente nei playoff. I floridiani, primi nella loro Conference lo scorso anno, non sono così costanti in questa stagione ma sono comunque in grado di creare problemi a qualsiasi candidato al titolo. Lo hanno dimostrato ancora martedì sera battendo il Boston, la migliore squadra del campionato (98-95). Una vittoria pareggiata in ritardo, dopo un quarto quarto molto difensivo a vantaggio degli Heat (23-13).

Bam Adebayo ei suoi partner hanno cancellato un deficit di 10 lunghezze andando 15-0 in denaro. Il pivot ha raccolto 9 punti e 8 rimbalzi negli ultimi 12 minuti per finire la partita con 30 punti e 15 tiri sul cronometro. I Celtics hanno giocato senza Jaylen Brown e gli Heat senza Jimmy Butler. Jayson Tatum ha segnato 31 punti con 14 rimbalzi e 7 assist ma è rimasto irrisolto a fine partita, proprio come i suoi compagni. Questa è la seconda sconfitta consecutiva di Boston e la seconda vittoria consecutiva di Miami.

NBA

Durante non disponibile altre due settimane

13 ORE FA

Lo scontro: i Clippers vincono il derby di Los Angeles nonostante i 46 punti di LeBron James

LeBron James potrebbe essere il miglior giocatore della City of Angels, ma i Clippers sono ancora la migliore squadra della città. Lo hanno ricordato battendo abbastanza seccamente i Lakers martedì sera (133-115). Il re si è comunque moltiplicato realizzando uno sforzo impressionante per un giocatore di 38 anni: 46 punti, 9 su 14 da tre (il suo nuovo massimo in carriera), 8 rimbalzi, 7 assist e 2 palle recuperate. Si sta avvicinando al record di Kareem Abdul-Jabbar e lo sta inseguendo completamente nella speranza di batterlo prima dell’All-Star Weekend, ma la sua esibizione ha ancora un sapore aspro poiché gli Angelenos sono stati battuti dai loro vicini.

I Clippers hanno vinto tutti i quarti tranne il terzo facendo un’impressione molto migliore su entrambe le estremità del campo. Paul George ha segnato 27 punti, Kawhi Leonard 25 e Norman Powell 22. Un’ulteriore prova che questa squadra, una volta completa, può essere molto competitiva. I giocatori di Tyronn Lue sono sesti in Occidente e restano in corsa per salire sul podio a fine stagione.

Il giocatore: Jokic riprende con una tripla doppia

Due partite di distanza e nessun segno di ruggine per Nikola Jokic. Imbarazzato dal dolore al bicipite femorale e costretto al forfait durante le ultime uscite dei Nuggets, il serbo ha ripreso il suo posto martedì sera. E, come se nulla fosse, ha accumulato una nuova tripla doppia portando Denver contro New Orleans (vittoria 99 a 98). Il quindicesimo stagionale per il pivot dell’All-Star, autore di 25 punti su 11 su 14 ai tiri, 11 rimbalzi e 10 assist. Poi come se non bastasse è stato anche l’eroe della serata piantando il canestro decisivo per la vittoria a 17 secondi dalla sirena. Serata piena per i Nuggets che, con questo successo, si staccano dai Grizzlies al vertice della Western Conference.

La fine della serie: Randle scintillante per rilanciare New York contro Cleveland

I Knicks hanno concluso la loro serie di sconfitte – quattro di fila – vincendo contro un outsider nell’Est. Hanno battuto di poco i Cavaliers, 105 a 103, grazie all’ottima prestazione di Julius Randle. Quest’ultimo ha segnato 36 punti di cui otto canestri premiati! È stato uno dei suoi tiri da esterno a liberare i newyorkesi a poco più di due minuti dalla sirena. Non sono stati uniti di nuovo in seguito. Randle ha aggiunto 13 rimbalzi. I Knicks sono settimi a est, due posizioni dietro i Cavaliers.

Rendimento: 41 punti per Doncic, Dallas perde ancora

Luka Doncic ha provato di tutto contro i Wizards. Lo sloveno ha messo a segno una partita di alto rango collezionando 41 punti e 15 rimbalzi. Ma non è bastato a Dallas, battuto di poco da Washington (126-127). Kyle Kuzma (30 punti) ha liberato la sua squadra trasformando un ultimo tiro libero a 4 secondi dalla fine. Pochi istanti prima, Doncic aveva appena mancato un tentativo sulla linea riparatrice. Ha anche sbagliato due passaggi per Spencer Dinwiddie all’ultimo possesso. I Mavericks passano dal quinto al settimo posto nella Western Conference con la sconfitta.

Il debuttante: Mathurin, protagonista della rimonta dei Pacers

Indiana ha finalmente vinto una partita di basket. I Pacers hanno interrotto una serie di sette sconfitte consecutive battendo i Bulls (116-110) ieri sera. La partita però è iniziata molto male per i giocatori di Rick Carlisle. Ad esempio, erano in svantaggio di 16 punti all’intervallo. È stato poi uno dei loro elementi più giovani, il rookie Bennedict Mathurin, ottimo al suo esordio tra i pro, a ripetere loro di continuare a giocare duro per tornare a segnare. Non ha solo parlato. La retroguardia canadese ha messo a segno 26 punti, compreso il canestro decisivo a 29 secondi dalla sirena, per guidare la rivolta dei suoi. La sesta scelta dell’ultimo draft si allontana dalla panchina di oltre 17 punti in questa stagione. Sicuramente una buona scelta dall’Indiana.

I francesi: Batum molto bravo nel suo ruolo

Nicolas Batum ha segnato solo quattro punti ma ha ottenuto sei rimbalzi e sei assist nella vittoria dei Clippers sui Lakers ieri sera. Theo Maledon aveva sette punti per gli Hornets.

Tutti i punteggi

Pacers – Tori : 116-110
Calore – Celtics : 98-95
Knicks-Cavaliers: 105-103
Pellicani – Pepite : 98-99
Maverick – Maghi : 126-127
Soli – Calabroni: 128-97
Lakers-Clippers: 115-133

NBA

LeBron, come il buon vino

IERI ALLE 07:59

NBA

Sacramento fa scalpore contro Memphis, Orlando ferma Boston

IERI ALLE 06:07

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}