Nîmes Olympique: rinforzo dello staff, mercato, unità voluta da Rani Assaf… cosa aspettarsi da Nicolas Usaï?

Dopo essersi separato dal suo allenatore Nicolas Usaï, mercoledì 16 novembre, e prima della Coppa di Francia, sabato 19 novembre alle 15:00 a Montauban (Regional 2, 8° turno), il presidente del Nîmes Olympique Rani Assaf ha parlato questo giovedì ai giocatori.

La telecamera è alla Bastide

I pochi giornalisti che giovedì mattina si sono presentati al centro di formazione di Bastide sono stati invitati a restare fuori. Come inizialmente previsto nel programma ideato da Nicolas Usaï e dal suo staff, i Crocodiles erano in campo alle 10:00

La seduta, nei laboratori, è stata leggera, come tutte le sedute a 48 ore da una partita ufficiale. È stato diretto da Richard Goyet. Ha dato la voce l’ormai ex assistente di Usaï. Forse per soffocare il silenzio causato dall’assenza di un allenatore che aveva ancora “tutti dietro”, ha confidato mercoledì il capitano Benoît Poulain.

Il presidente Rani Assaf è arrivato intorno alle 11. Ha parlato per alcuni minuti con Guillaume Bouisset, direttore operativo della Bastide, prima di rivolgersi alla squadra.

Secondo le nostre informazioni, l’amministratore delegato del Nîmes Olympique ha chiesto ai giocatori, allo staff sportivo e allo staff medico di mantenere l’unità, di schiarirsi le idee e di rigenerarsi durante le vacanze (dal 20 al 30 novembre, ndr). E rimettersi in forma per la seconda metà di stagione per raggiungere l’obiettivo di mantenimento.

I giocatori hanno interrogato il presidente sul futuro allenatore

Alcuni giocatori hanno poi chiesto al loro presidente il nome del loro futuro allenatore, che è stato loro confermato: Frédéric Bompard, 59 anni, ex fedele assistente di Rudi Garcia a Dijon, Lille, Roma e OM, poi breve numero 1 ad interim di successo al Guingamp nel 2021 .

A riposo ieri pomeriggio, i Gardois si allenano anche questo venerdì alle 10.00. Partiranno in autobus alle 15:00 per Montauban, dove giocheranno l’8° round della Coupe de France (sabato alle 15:00). Agli ordini di Richard Goyet.

Il cambiamento è ora

Se la decisione di Rani Assaf è giustificata in termini contabili (15 punti in 15 giorni, una media che non sarà sufficiente a mantenersi), mette in discussione la tempistica. Nicolas Usaï potrebbe passare alla storia come l’allenatore esonerato con il miglior record durante il suo ultimo mese di allenamento: tre vittorie (di cui due contro squadre allora capolista di L2), un pareggio e una sconfitta (1-0 a Pau giocando un’ora a dieci), sette gol fatti e due subiti…

Il presidente croco aveva deciso prima: poca ambizione e stile nel gioco, stabilità nella squadra e nelle scelte, solidità difensiva fuori, progressione dell’organico… troppe le mancanze che potevano portare in Nazionale. Una domanda, però: Rani Assaf avrebbe fatto la stessa scelta se ci fossero stati solo due manche e uno spareggio a fine stagione?

Olivier Dall’Oglio è stato intervistato

Il cambiamento è ora. Il boss del NO voleva un “tecnico esperto, con esperienza in Ligue 1 – Ligue 2” per succedere a Usaï. Mentre Olivier Dall’Oglio è stato intervistato, senza successo, ce l’ha con Frédéric Bompard, anche se quest’ultimo è stato a lungo assistente.

Un organico rinforzato, un’ala ricercata…

L’organico sarà rinforzato con, secondo una fonte, almeno l’arrivo di Thibault Giresse voluto da Frédéric Bompard. I due uomini hanno lavorato insieme a Guingamp.

… e Ueda in uscita

Il mercato invernale farà il resto, oppure no: ci vuole un esterno, per iniziare. Ueda, che ha trovato un accordo con un club giapponese, tornerà a casa. Omarsson potrebbe emigrare all’estero.

Molti Nîmes assenti a Montauban

Prima ci sono i lungodegenti: Benezet, che ha appena terminato il protocollo di cura per la caviglia, e Doucouré, che era malato, alle ultime notizie, questo giovedì…

Poi ci sono i recenti assenti: Poulain, che ieri si è accontentato di correre dopo aver avvertito un dolore al legamento del ginocchio la scorsa settimana, Thomasen, il cui infortunio all’inguine che ha interrotto la sua partita a Niort non ha richiesto visite mediche ma che sabato sarà a riposo, e Koné, che sta subendo un trattamento con PRP (iniezione di plasma ricco di piastrine) per il suo tendine rotuleo. Questi cinque sono pacchi per Montauban.

Non ci sarà neanche Djiga, che ha aderito alla selezione del Burkina Faso per le amichevoli.

Benrahou e N’Guessan, che hanno avvertito fastidio agli adduttori, sono stati risparmiati questa settimana e sono incerti. “Non correremo rischi”, riassume Richard Goyet, avendo tutte le sue forze a dicembre per il campionato che è ovviamente essenziale.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *