• Home
  • OL dà a Eagle Football un’ultima possibilità di rilevare il club prima di annullare l’operazione

OL dà a Eagle Football un’ultima possibilità di rilevare il club prima di annullare l’operazione

0 comments

Dopo un autunno in cui le trattative si sono trascinate, l’Olympique Lyonnais ha annunciato lunedì 5 dicembre di concedere all’imprenditore John Textor un termine ultimo per l’acquisizione del club. Se l’affare non si chiuderà entro mercoledì 7 dicembre, l’operazione verrà annullata.

Il cielo si è improvvisamente oscurato lunedì mattina sopra il Groupama Stadium, anche se il Lione ha trovato il cielo azzurro per la prima volta dopo diversi giorni di tempo grigio. In un comunicato stampa pubblicato il 5 dicembre 2022, l’Olympique Lyonnais ha annunciato che, dopo diversi rinvii, è stata concessa una scadenza definitiva al miliardario americano John Textor per acquistare il club del Rodano, valutato 800 milioni di euro. La holding Eagle Football ha tempo fino a mercoledì 7 dicembre per concludere l’operazione di scalata. In caso contrario, verrà annullato.

“Alla luce dei progressi compiuti nelle ultime 48 ore, i venditori e OL Groupe hanno concordato di concedere a Eagle Football una scadenza finale del 7 dicembre 2022 per trovare un accordo definitivo, incondizionato e finanziato con tutte le parti”ha detto la holding proprietaria del club del Lione nel suo comunicato stampa.

Il gruppo holding americano che riunisce John Textor e l’imprenditore canadese Jamie Salter si è impegnato a fine giugno ad acquisire tutte le quote e la metà delle Osranes (obbligazioni convertibili in azioni emesse per finanziare la costruzione del Groupama Stadium) detenute da Holnest, la holding società della famiglia di Jean-Michel Aulas (27,7% del capitale). Più tutte le quote detenute da Pathé (19,3%) e dal fondo di investimento cinese IDG Capitals (19,8%).

La cessione, inizialmente fissata per la fine di settembre, è stata successivamente rinviata più volte, soprattutto in attesa del via libera della Premier League per il previsto montaggio. Venerdì i venditori e OL Groupe avevano concesso ad Eagle Football ulteriore tempo per finalizzare le procedure, precisando che avrebbero preso la loro decisione domenica sera il “il seguito da dare all’operazione in considerazione dei progressi compiuti fino ad allora”.

John Textor aveva assicurato ai venditori di averlo fatto “ottenuto tutti i finanziamenti necessari all’operazione”, secondo la dichiarazione del gruppo venerdì. Ma restava da rispettare un’ultima condizione: il conferimento in natura alla holding Eagle Football delle quote da essa detenute nel club inglese Crystal Palace, per ottenere il via libera dalla Premier League.

“Eagle Football oggi ha informato i venditori che sono stati compiuti progressi nell’ottenere l’accordo di tutte le parti, inclusa la Premier League, per procedere con le transazioni e il loro finanziamento, ma che per lui era necessario un ulteriore ritardo”.spiega OLG nel suo comunicato stampa di lunedì.

Tuttavia, il gruppo lo avverte “Dopo quest’ultima scadenza, i venditori e OL Groupe possono solo notare che è diventato improduttivo concedere più tempo a Eagle Football”.

“OL Groupe valuterà anche fonti alternative di rafforzamento del proprio patrimonio per avere rapidamente soluzioni disponibili nel caso in cui le operazioni con Eagle Football non vengano effettuate”lui dice.

Questa cessione, che prende le sembianze di Arles, rappresenterebbe una svolta storica per il club di L1, presieduto per 35 anni da Jean-Michel Aulas, anche se quest’ultimo dovrà mantenere la carica di presidente per “almeno tre anni”, secondo l’accordo previsto.

Ora 73enne, “JMA” ha trasformato un OL moribondo nel 1987 in una società quotata con un track record prestigioso: sette trofei consecutivi in ​​​​Ligue 1 (2002-2008) e due semifinali di Champions League (2010, 2020). Dopo una battuta d’arresto legata alla pandemia di Covid, che ha portato alla chiusura degli spalti, e al fallimento dell’ex emittente Mediapro nel 2020, il club è in piena ripresa finanziaria.

Nell’esercizio 2021-2022 il fatturato è balzato del 42%, a 252,6 milioni di euro, e la perdita netta è stata quasi dimezzata rispetto alla stagione precedente (-55 milioni, contro -107,5 milioni). E i suoi risultati sono ancora in crescita da luglio a fine settembre: il suo fatturato è aumentato del 30% (con in particolare un aumento del 45% dei ricavi da biglietteria).

La quotazione delle azioni OL Groupe e Osranes è stata sospesa dal 17
novembre, in attesa della finalizzazione della vendita. Prima della sospensione, l’azione
aveva un valore di 2,79 euro. “Siate consapevoli del fatto che transazioni come questa possono essere piuttosto complicate sia per gli acquirenti che per i venditori, e non è raro scoprire ostacoli sulla via di una ‘chiusura’ che creano complessità e ritardi”avevo
ha scritto il miliardario a metà ottobre sul suo sito web per rassicurare i tifosi del Lione.

Con l’AFP

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}