• Home
  • Partita: Mbappé, Bitshiabu, Neymar, ecc., 4 vincenti e 3 perdenti dopo PSG/Strasburgo

Partita: Mbappé, Bitshiabu, Neymar, ecc., 4 vincenti e 3 perdenti dopo PSG/Strasburgo

0 comments

Tenuto sotto scacco fino agli ultimi minuti del match, il PSG ha finalmente vinto sul traguardo contro lo Strasburgo (2-1). Se Kylian Mbappé si è trasformato in un eroe del Parco dei Principi, Neymar lo ha lasciato dalla porta sul retro.

Ripresa difficile ma riuscita per il PSG. Dopo una pausa di sei settimane, il club della capitale ha ripreso il suo cammino con una vittoria contro lo Strasburgo mercoledì (2-1). Non senza difficoltà, i parigini hanno vinto il loro quattordicesimo incontro stagionale in Ligue 1. Facciamo un rapido giro tra vincitori e vinti di quest’ultima partita del 2022.

I vincitori :

El Chadaille Bitshiabu

Schierato sulla corsia di sinistra con sorpresa di tutti, il difensore 17enne ha adempiuto alla sua parte di contratto per la sua prima permanenza in prima squadra. Se non dobbiamo aspettarci di vederlo pesare offensivamente, il difensore centrale in allenamento è stato solido nei duelli. La sua predisposizione atletica gli ha permesso spesso di avere la meglio sugli attaccanti dello Strasburgo e all’arrivo il talento della generazione 2005 ha segnato punti.

Se il suo futuro non è certo a sinistra della difesa, El Chadaille Bitshiabu ha saputo approfittare dell’assenza di Juan Bernat per dimostrare di essere pronto ad affrontare le richieste di altissimo livello.

Marquinhos

Il difensore del PSG è rinsavito molto bene dopo la delusione del Brasile ai Mondiali. Il numero 5 parigino per primo ha idealmente lanciato la sua serata e quella dei compagni aprendo le marcature con un colpo di testa su punizione perfettamente calciata da Neymar. Spesso prezioso in difesa, tuttavia, ha visto offuscare il suo record complessivo a seguito di uno sfortunato autogol.

Ambizioso fino agli ultimi minuti, recupera un pallone prezioso per dare il via all’offensiva parigina che porta il raddoppio. Il brasiliano ha persino creduto alla doppietta prima di vedere Clément Turpin tornare finalmente in fallo e concedere un rigore che Kylian Mbappé è stato incaricato di trasformare.

Nordi Mukiele

Continua la distribuzione dei punti buoni nella difesa parigina. A suo vantaggio nelle due amichevoli giocate dal PSG durante la lunga sosta per le Nazionali, Nordi Mukiele ha confermato il buon dinamismo messo in moto durante la preparazione. Molto energico da parte sua, il francese non si è mai tirato indietro davanti agli sforzi e spesso ha cercato di portare pericolo. Anche lui non passa lontano dall’essere decisivo su un bel cross per Hugo Ekitike, leggermente troppo corto.

Se Achraf Hakimi dovesse respirare un po’ presto dopo il suo ritmato Mondiale con il Marocco, l’ex residente dell’RB Lipsia è pronto a sostituirlo e lo ha dimostrato ancora una volta.

Kylian Mbappe

L’attaccante del PSG voleva voltare pagina dopo il fallimento della Francia nella finale dei Mondiali e se probabilmente non l’ha ancora digerito del tutto, il suo gol liberatorio segnato negli ultimi secondi ha scatenato una forte emozione sul suo volto.

Autore di un match imperfetto, il Bondynois è stato però fonte di costante pericolo attraverso le sue corse lanciate sulla corsia sinistra dell’attacco parigino. Domenica contro il Lens, il francese sarà l’unico dei tre fantastici in campo.

Perdenti:

Neymar

La ripresa è stata altalenante per il brasiliano. Stabilito in un ruolo di numero 10 una tacca sopra i due tedofori al centro, la stella di Auriverde ha spesso alternato il mese buono e quello buono. Neymar ha avuto i suoi momenti di magia ma anche i suoi momenti di ebbrezza in cui è scomparso per diversi minuti durante l’incontro.

Il numero 10 parigino è stato più volte infastidito dal trattamento arbitrale nei suoi confronti e dalle scelte sbagliate dei suoi partner. Allo scoccare dell’ora distribuisce un titolo a Thomasson che gli vale un primo giallo prima di commettere una simulazione ben evitabile in area di rigore che lo costringe a lasciare i compagni a dieci. Se finora in Ligue 1 era sempre stato espulso negli ultimi minuti, questa volta il brasiliano ha perso i nervi troppo presto. Segno di stanchezza mentale che non è ancora passata?

vitinha

Invitato in Qatar con il Portogallo, il 22enne centrocampista ha ritrovato il gruppo parigino all’inizio della scorsa settimana e quindi non ha partecipato alle amichevoli giocate dalla squadra di Christophe Galtier. Se tutto lasciava presagire che Renato Sanches avrebbe approfittato del ritmo accumulato per partire da titolare, l’ex pupillo del LOSC si è nuovamente infortunato e ha permesso a Vitinha di conquistare l’ultimo posto a centrocampo.

In linea con le sue ultime prestazioni prima della sosta, l’ex residente del Porto ha spesso mancato di lucidità nelle sue decisioni, causando in particolare fastidio a Neymar. Il debuttante estivo ha perso anche alcuni palloni insoliti che sarebbero potuti costare caro ai parigini. Un brutto gioco.

Hugo Ekitike

Posizionato nella metà campo destra dell’attacco parigino, il giovane attaccante 20enne ha avuto difficoltà a influenzare il match. La mancanza di automazione con i suoi compagni d’attacco si è vista spesso e, a parte un ottimo movimento con Neymar, il francese non ha segnato davvero punti in assenza di Messi. Potrebbe legittimamente sorgere la questione di una seconda permanenza consecutiva al Lens e il centravanti in prestito dal Reims può già dimenticare il suo incontro.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}