• Home
  • Per Auvergne-Rhône-Alpes, “il fine settimana è iniziato bene” – News

Per Auvergne-Rhône-Alpes, “il fine settimana è iniziato bene” – News

0 comments

All’inizio della staffetta del comitato, c’era un grande favorito nella lista di partenza. Con Line Burquier e Célia Géry in campo femminile, e Romain Seigle e Léo Bisiaux in campo maschile, è stato difficile fare meglio questo sabato mattina (vedi classifica). Restava da scegliere la tattica giusta, facilmente definita dal comitato. “Ne abbiamo parlato questa settimana, soprattutto con Julien (Guiborel, CTS della commissione, ndr) durante la settimana ho avuto l’idea o di partire o di finire e mettere in mezzo le due ragazze, abbiamo avuto la stessa idea quindi è successo naturalmente”, spiega Romain Rye. Alla fine è andato per primo, ha avuto alcuni spaventi sui tabelloni. “Mi sono bloccato, capita, su un giro veloce così sbagliano tutti. Eravamo un po’ stretti a sinistra, abbiamo perso un po’ di tempo ma non è grave”.

“SAPPIAMO CHE CI ERANO ASPETTATI”

Alla fine, in testa al primo giro, ha lanciato Line Burquier, che aveva anche un tossicodipendente, faccia a faccia con Lauriane Duraffourg. “Siamo partiti in contemporanea, abbiamo fatto tutta la partenza insieme. Ho sbagliato, sono caduto, ho avuto problemi meccanici, non riuscivo a cambiare marcia. Ho fatto tanto a piedi e ho cambiato moto. Sono riuscito nell’ultima parte per tornare in salita per passare il testimone a Célia (Géry).Sono un po’ deluso dal mio stint ma felice che gli altri si siano assicurati”, riesce a mettere in prospettiva il Campione di Francia in carica. Il suo compagno di squadra ha rapidamente alzato l’asticella, prima di passare il testimone con un buon materasso. “Sono rientrato in discesa e ho allargato il distacco nella parte difficile, è andata così”, descrive Célia Géry. Non restava che a Léo Bisiaux completare il lavoro.

Ma il Campione Europeo Junior ha dovuto ancora resistere al ritorno di Fabien Doubey. Tuttavia, i suoi tre compagni di squadra del comitato Auvergne-Rhône-Alpes non si sono fatti prendere dal panico. “Avevo allargato il distacco, quindi Leo doveva mantenerlo e ha fatto bene. Avevo fiducia”, osserva Célia Géry. Il corridore TotalEnergies impiega solo una manciata di secondi, lontano dai 30 necessari. “Avevo un margine di sicurezza. Ho provato a forzare all’inizio per vedere se perdevo tempo o meno. Mi è stato detto che era stabile, in più Fabien è caduto in partenza. Così ho mantenuto il distacco fino a metà giro , poi ne ho conservate alcune per domani”, ammette Léo Bisiaux. Lo Junior ha gestito bene la pressione di essere un favorito. “Sapevamo di essere attesi, non mi ha messo sotto pressione. Il BFC aveva una buona squadra con Fabien che ha chiuso bene l’anno scorso”.

“BELLO, SOPRATTUTTO QUANDO LI VINCIAMO”

Julien Guiborel vede questa come un’occasione perfetta per aprire le ostilità a Bagnoles-de-l’One. “Il fine settimana è iniziato bene, ci sono quattro atleti di alto livello, quindi abbiamo cercato di abbinarli per farlo funzionare. Devi coinvolgere tutti per vincere un titolo in una nuova disciplina, tutti hanno ambizioni di titolo individuale su la loro corsa. Sono contento che abbiano giocato la partita “.. All’unisono, tutti sono felici di aver partecipato. “Ha sempre un sapore diverso rispetto alla vittoria individuale, non dipende solo da noi. Per quanto possiamo fare un buon stint, ma se sbagliamo sappiamo che possiamo avere gli altri da recuperare, o viceversa. Possiamo non dare la colpa a nessuno, è tutto insieme”nota Linea Burquier. “Come squadra è divertente, non l’avevo mai fatto prima quindi è stato divertente, mi è piaciuto. Ma è anche stressante, non vuoi fare errori per la squadra”aggiunge Célia Géry.

Nonostante questo possibile stress, Léo Bisiaux ha mantenuto principalmente l’aspetto divertente. “Tutti hanno fatto una grande gara, quindi è bello andare a vincere un titolo del genere. È sempre bello fare una gara collettiva, è un po’ nuovo nel ciclocross, è divertente fare qualcosa di diverso, mi piace. È un po’ più rilassato”. Romain Seigle ha potuto portare la sua esperienza di mountain bike. “È super gratificante fare staffette del genere, l’ho fatto in mountain bike ed è divertente, e poi c’è una bella atmosfera, è ancora una gara a squadre ed è divertente, soprattutto quando le vinciamo”. Julien Guiborel non dirà il contrario, lui che deve tornare velocemente in pedana per le regate pomeridiane. “E’ una bella sensazione iniziare il weekend, per lo staff tecnico che è ancora in campo con le altre categorie che corrono questo pomeriggio, ci siamo tutti”. Sarà ancora necessario per Auvergne-Rhône-Alpes, perché è solo l’inizio del fine settimana.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}