Perché Quartararo ha scelto di continuare con la Yamaha?

In una conferenza stampa, Fabio Quartararo ha parlato della sua scelta di prolungare l’avventura con la Yamaha in MotoGP. Ecco i motivi.

Per molti mesi, Fabio Quartararo ha messo in dubbio il suo futuro in MotoGP: in quale squadra avrebbe gareggiato il campione del mondo dalla prossima stagione? La telenovela è finalmente finita, il francese ha deciso di farlo prolungare la sua avventura con il team Monster Energy Yamaha MotoGP. Una scelta un po’ sorprendente se si tiene conto delle precedenti critiche che il pilota 23enne ha avuto sulla sua moto.

Fabio Quartararo era molto logicamente al centro del Giovedì conferenza stampaprima dell’inizio del Gran Premio di Catalogna. Il nizzardo ha parlato dei suoi dubbi prima di prendere questa decisione cruciale sul suo futuro professionale. Quest’ultimo non ha negato di essere stato in contatto con altre squadre ed in particolare Honda. Ma il francese ha preso la sua decisione qualche settimana fa:

“Non è stata una decisione facile. Ci siamo presi un po’ più di tempo per valutare l’intero progetto. Infine, Yamaha ci sta provando, reclutando molte persone e sanno dove devono migliorare. Negli ultimi due o tre anni si sono concentrati da un’area all’altra e ora sanno dove devono migliorare, e questo è chiaramente il potere. Sono molto contento perché hanno davvero capito che dovevamo correggere quello che ci manca e credo nel progetto. Ecco perché abbiamo preso la decisione qualche settimana fa, e penso che fosse quella giusta. »

Infine, abbiamo potuto apprendere che i vertici della squadra giapponese e in particolare Lin Jarvis (Direttore Generale Yamaha MotoGP) aver conosciuto convincere in parte il loro pilota con il loro progetto sportivo. Questi ultimi si evolveranno attorno alla loro stella e a queste condizioni. Fabio Quartararo ha evidenziato in particolare la mancanza di potenza della sua cavalcatura. Di conseguenza, il produttore di Iwata ha reagito rapidamente reclutamento di ingegneri per lo sviluppo del reparto motori :

“Sono già in Yamaha e ovviamente è lato motore, perché sappiamo che mi sento davvero bene sulla moto, non ho niente da dire. Tutti i piloti vogliono più grip, più velocità, ma se devo essere realistico quello che manca rispetto ad altri è la velocità massima. Questo è ciò che mi ha deciso, molti ingegneri entrano nel reparto motori. Sarà per questa parte della bici.

Infatti, come puoi immaginare, non abbiamo parlato solo con Yamaha. C’è voluto molto tempo perché a un certo punto stavo scegliendo una direzione, la settimana dopo volevo andare da un’altra parte… È stato un po’ difficile. Con l’arrivo degli ingegneri del reparto motori e i miei buoni risultati, sapendo che non potevo fare di meglio con la potenza del motore che ho, mi sono detto che stanno facendo di tutto per avere più potenza e mi sento bene sulla bici. Questo è ciò che mi ha deciso. »

Nel complesso, la scelta del prodigio tricolore è abbastanza semplice: desidera avere una moto che gli permette di continuare ad evolversi al miglior livello. È quindi pronto a credere che la Yamaha sarà in grado di soddisfare le sue aspettative dalla prossima stagione, nel 2023. Tanto più che la moto che sta guidando gli si adatta come un guanto. Tanto che i suoi compagni di squadra non riescono a mostrare un ritmo equivalente. Nei test pre-stagionali, quest’ultimo ha reagito dicendo quello la nuova M1 è stata ritagliata per lo stile di guida del campione del mondo in carica.

Foto : Icona Sport

Per leggere su auto-moto.com:

Moto GP Catalonia 2022: il risultato delle prove libere 2

MotoGP: Marc Marquez, buone notizie dopo l’operazione!

Formula 1: un nuovo circuito di Monaco per più spettacolo?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *