• Home
  • Piede PSG – PSG: Al-Khelaïfi tratta il Parco dei Principi, manca solo uno zero

Piede PSG – PSG: Al-Khelaïfi tratta il Parco dei Principi, manca solo uno zero

0 comments

Centro nevralgico del Paris Saint-Germain, il Parc des Princes è al centro di tutti i dibattiti, mentre Nasser Al-Khelaïfi ha minacciato di lasciare lo storico stadio del Psg per andare potenzialmente allo Stade de France.

Il club della capitale francese resterà al Parc des Princes in futuro? Probabilmente sì, ma ora esiste una paura. Mentre il PSG affitta il suo stadio con un enfiteutico di 30 anni, il municipio di Parigi si rifiuta di vendere il suo recinto senza recuperare un grosso assegno. Una somma di 350 milioni di euro sarebbe richiesta dalla squadra di Anne Hidalgo. Questo fa sobbalzare la dirigenza del PSG, che di recente ha proposto un’offerta di 40 ME per riacquistare il proprio stadio. Una cifra abbastanza contenuta che si spiega con il fatto che il Qatar voglia poi investire diverse centinaia di milioni di euro per rinnovare e ampliare il Parco oltre l’attuale capienza di 48.000 posti. Questa necessità di lavorare, affinché il PSG possa continuare a lottare ad armi pari con i suoi concorrenti europei, può avere successo solo se il PSG acquista il Parco. Cosa che per il momento non si guadagna, visto che la direzione parigina è sempre in conflitto con il Comune di Parigi. Nulla di preoccupante per Emmanuel Grégoire, che pensa che le due parti troveranno una soluzione nei prossimi mesi.

“Il futuro del PSG è al Parco”

“Non abbiamo mai escluso di vendere il Parco. Vogliamo che il PSG resti al Parco a tutti i costi. È una storia intrecciata. Abbiamo bisogno del club di Parigi. La difficoltà è che la vendita di beni pubblici risponde a vincoli giuridici molto forti. Credo che il presidente del PSG avesse in mente questi vincoli, ma li ha un po’ dimenticati. Devi prima proporre un prezzo, poi farlo convalidare dall’amministrazione di Bercy. Non può essere venduto a un prezzo inferiore a quello stabilito dai domini. Comprendiamo l’argomentazione di Nasser quando dice che dovrà investire dai 500 ai 600 milioni di euro. Non posso dirgli di no. Affittiamo il Parco per un periodo molto, molto lungo. Affittiamo il Park al PSG a un prezzo davvero basso. Ma è vero che nel modello dei grandi club internazionali la proprietà dello stadio è un elemento che conta molto.

Le Parc con il PSG vale molto. Quindi non è facile dire quanto valga davvero. Il prezzo dipende da criteri legali. Il Parco ha un valore fondiario assolutamente astronomico. Alcuni esperti dicono che il Parco vale 1 miliardo di euro. Rispettiamo il PSG più di ogni altra cosa. Da quando mi occupo di queste materie, abbiamo accelerato le discussioni. Un’ipotesi è quella di rinegoziare un contratto di locazione a lunghissimo termine. Quello che capisco dagli interventi del presidente del PSG è che c’è una vera insofferenza. La mia sensazione è che il futuro del PSG sia al Park. Se partiamo da questo postulato condiviso tra l’azionista, la città, i tifosi e gli appassionati di calcio, troveremo una soluzione.dettagliato, su RMC, il primo deputato al municipio di Parigi, che annuncia invece che il Parc des Princes non potrà mai superare i 60.000 posti, tenendo conto dell’architettura…

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}