• Home
  • Pogacar: “Fosse per me avrei già fatto il Giro”

Pogacar: “Fosse per me avrei già fatto il Giro”

0 comments

Nel corso di un punto stampa concesso questo lunedì in occasione del primo ritiro precampionato organizzato ad Alicante (Spagna) dalla sua squadra Emirati Arabi Uniti Team Emirates, Tadej Pogacar fornito informazioni importanti: la sua presenza sul Giro delle Fiandre 2023. Sbalorditivo quest’anno per la sua prima sulla Ronde, ingaggiando un duello fantastico e incredibilmente intenso con Mathieu van der Poel (Alpecin-Deceuninck) prima di mancare di lucidità in dirittura d’arrivo e fallire infine ai piedi del podio, lo sloveno ha apprezzato molto questa esperienza e ha un solo desiderio, quello di riprovare. Il Giro delle Fiandre sarà uno dei miei grandi obiettivi per la primavera”.ha così affermato in osservazioni riportate dall’ Il giornale.

Video – Giro delle Fiandre e Tour de France per Pogacar nel 2023!

Una prima parte della stagione 2023 molto simile a quella del 2022…

E la sua preparazione per il Giro delle Fiandre 2023 non dovrebbe variare molto rispetto al 2022 visto che prima del secondo Monumento della stagione, dovremmo ritrovarlo nuovamente sulTour degli Emirati Arabi Unitiloro Strade Bianche, Tirreno-Adriatico et Milano-Sanremo. Dopo il Primavera, Tadej Pogacar bisognerebbe gareggiare in alcune semiclassiche fiamminghe per prendere confidenza con il pavè e la particolare tensione che regna in queste gare. L’obiettivo più grande del numero uno al mondo nel 2023, tuttavia, sarà vincere il Giro di Francia per la terza volta nella sua carriera… il che significa non partecipare al Giro d’Italia, una prova che il nativo di Komenda apprezza molto ma che non ha ancora avuto modo di fare. E ancora…

“Se fosse stato per me, l’avrei fatto due anni fa”ha infatti rivelato Tadej Pogacar nei commenti riportati da Settimanale ciclistico. Ma non sono il più intelligente a scegliere il mio programma”continuò con un sorriso. Il Giro è stato una delle mie corse preferite sin da quando ero giovane perché è la gara più vicina alla Slovenia, ma per ora l’obiettivo principale è il Tour de France, che sia per me o per la squadra. Quindi ci atteniamo al piano”. Et Tadej Pogacar sta pensando al doppio GiroTourche da allora non è più stato fatto Marco Pantani nel 1998, campioni come Alberto contatore et Chris Froom essersi rotto in particolare i denti su questo negli ultimi anni?

… ma un modo diverso di prepararsi!

È possibile farlo, ma ottenere entrambi è molto impegnativo per il corpo. Se vinci il Giro d’Italia e il Tour de France nello stesso anno, ti sentirai così esausto che la tua carriera potrebbe essere finita dopo questo. È una vera sfida, ma richiede molto a livello fisico”analizza il corridore di 24 anni. battuto da Jonas Vingegard (Team Jumbo-Visma) sul Giro 2022il doppio vincitore del Giro della Lombardia ha imparato dal suo fallimento e cambierà sicuramente le cose in termini di preparazione.

“L’anno scorso ho fatto un corso in quota prima dell’UAE Tour, ma forse lo salterò quest’anno. È davvero un buon ritiro e ne stai uscendo molto bene, ma essere così forte a febbraio potrebbe non essere il massimo quando hai obiettivi più lontani. Nel 2022 ero già in ottima forma a gennaio e febbraio, ma questa volta, Ho iniziato ad allenarmi un po’ più tardi e più tranquillamente. Il mio desiderio non è quello di arrivare al top della forma alle prime gare della stagione, ma di migliorarmi gradualmente”conclude.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}