• Home
  • “Possiamo andare oltre”: Arthur Iturria ricorda la vittoria dell’ASM sugli Stormers in Coppa dei Campioni

“Possiamo andare oltre”: Arthur Iturria ricorda la vittoria dell’ASM sugli Stormers in Coppa dei Campioni

0 comments

Un primo tempo nello zig, un altro nello zag, sabato l’ASM Clermont si è esibito in due fasi. In vantaggio per 14-3 all’intervallo, gli uomini di Jono Gibbes ribaltano la classifica dominando largamente gli ultimi quaranta minuti e infliggendo un graffiante 21-0 ai sudafricani, allora senza molla.

Uno sguardo indietro a questo primo successo “europeo” con Arthur Iturria, il capitano del Clermont.

Come spiegare il cambio di scenario tra le vostre due metà?

Abbiamo solo giocato più collettivamente dopo la pausa. Non era voglia di fare male o un cattivo stato d’animo, era solo andare tutti nella stessa direzione.

Champions Cup: le immagini della convincente e storica vittoria dell’ASM Clermont contro gli Stormers

Dopo, nel secondo tempo, non abbiamo fatto niente di straordinario. Ma giocando insieme, abbiamo visto che potevamo essere formidabili.

E tutta la squadra ha ripreso controllo e precisione nei gesti…

Sì, anche nell’avanzato è più facile. Personalmente nel primo tempo ho fatto 2 o 3 scelte sbagliate in touch e ho sbagliato il calcio d’inizio. Non ha aiutato la squadra a mettersi sulla strada giusta.

Immaginiamo che questo secondo periodo di successo sia soddisfacente?

Sì, perché durante la settimana abbiamo giocato come volevamo. Ho sentito i ragazzi connessi, nessuno parlava, tutti andavano nella stessa direzione. Ma attenzione, è molto difficile riprodurre questo tipo di performance. Sabato andiamo a Leicester, sappiamo che le condizioni saranno difficili.

Sapevi anche come padroneggiare la fine della partita…

Già, non pensavo che avremmo messo le mani sulla palla così tanto nel secondo tempo. Abbiamo dei giovani e finiamo con una squadra che, per molti, non assomiglia molto. Ma i ragazzi sapevano tutti cosa c’era da fare e soprattutto come giocare gli ultimi dieci minuti. Come le ultime due mischie che possiamo giocare ma sulle quali andiamo a terra per guadagnare 30 o 40 secondi. Questa è la prova della nostra maturità, quella che dovremo conservare.

Ricevi la nostra newsletter ASM Match Day via e-mail e trova informazioni essenziali ed esclusive sulla tua squadra preferita.

{“path”:”mini-registration”,”id”:”MT_Sports_ASM”,”accessCode”:”14231405″,”allowGCS”:”true”,”bodyClass”:”ripo_generic”,”contextLevel”:”KEEP_ALL “,”filterMotsCles”:”1|10|11|14|15|6973|17123″,”gabarit”:”generic”,”hasEssentiel”:”true”,”idArticle”:”4231405″,”idArticlesList”: “4231405”,”idDepartement”:”282″,”idZone”:”30603″,”motsCles”:”1|10|11|14|15|6973|17123″,”premium”:”false”,”pubs “:”banniere_haut|article|article2|article3″,”site”:”MT”,”sousDomain”:”www”,”tagsArticle”:”#ASMStormers2022″,”urlTitle”:”arthur-iturria-reviens-sur- la-vittoria-di-asm-sugli-stormers-in-coppa-dei-campioni-possiamo-andare-oltre”}

“Non siamo una squadra che può riposare sugli allori”

Sei rimasto impressionato da questa squadra di Stormers?

No, perché la Top 14 è molto tosta. Lì giocavamo una squadra abbastanza fisica e atletica, ma neanche loro giocavano un gran rugby. La temperatura (nota: intorno allo zero) probabilmente li rendeva strani. Gli Stormers sembrano una grande squadra nella top 6 del nostro campionato, ma non è nemmeno quello che ci è stato detto…

premio ASM – Stormers (24-14): i numeri della rivolta di Clermont nel secondo periodo

Questa vittoria è mentalmente importante dopo un mese di novembre difficile?

Avevo detto che il mese di dicembre sarebbe stato molto importante. La rimonta contro il Montpellier è stata decisiva per il vantaggio e lì dovevamo entrare in questa competizione che è breve e veloce con solo quattro partite. Finora abbiamo fatto 2 su 2 a dicembre, ma non è ancora finita. Penso che possiamo andare oltre, trovare qualcosa di bello.

Vuol dire che vuoi giocare al massimo questa Coppa dei Campioni?

Vediamo che possiamo giocare duro, poi vedremo dove ci porterà. Qualunque cosa accada, ci servirà per il futuro. Dobbiamo rimanere entusiasti di questo evento, rispettare già coloro che hanno aiutato la squadra a qualificarsi la scorsa stagione, rispettare anche il club. Alla fine questa partita contro gli Stormers fa ben sperare anche se non se ne fa nulla. Comunque, non siamo una squadra che può riposare sugli allori.

Raccolti da Christophe Buron

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}