• Home
  • Premier League | L’Arsenal domina il Tottenham nel derby (0-2) e passa in vantaggio in campionato

Premier League | L’Arsenal domina il Tottenham nel derby (0-2) e passa in vantaggio in campionato

0 comments

I Gunners continuano la loro strada verso il titolo. Vincendo al Tottenham dopo una partita controllata (0-2), i leader della Premiere League non solo hanno vinto il 193esimo derby del nord di Londra contro il loro rivale. Con questa vittoria si portano a 8 punti di vantaggio sui Citizens sconfitti il ​​giorno prima nel derby di Manchester (2-1). Completamente dominati nel primo periodo, gli Spurs restano in corsa per l’Europa, ma vedono gli inseguitori avvicinarsi in classifica.

Se i Gunners dovessero vincere il loro primo scudetto dal 2004, nessuno potrebbe parlare di fortuna visto che la formazione guidata da Mikel Arteta ha mostrato costanza in questa stagione. In questo derby abbiamo visto ancora una volta una squadra a suo agio con il pallone, con giocatori capaci di fare lo sforzo di farsi avanti in attacco e di pressare in difesa.

Trasferimenti

Il 9 mercato informativo della domenica

UN’ORA FA

Il primo tempo dell’Arsenal è stato un vero spettacolo in cui i Gunners hanno messo il piede sulla palla con l’intenzione di far male. Le qualità percussive di Bukayo Saka hanno contribuito notevolmente a questo, poiché sono state loro, e un tiro dell’attaccante inglese, a portare il vantaggio dell’Arsenal su un fallo di mano di Hugo Lloris (15 °).

Odegaard ha festeggiato

Quello che sembra essere il punto di forza di questa squadra è la qualità riscontrata ad ogni livello della sua struttura. Centrocampista a doppio perno Granit Xhaka – Thomas Partey ha svolto un lavoro impressionante in termini di recupero e rastrellamento. Come trequartista, Martin Odegaard ha stabilito molto bene il ritmo per la sua squadra. Il capitano di giornata ha addirittura portato la sua squadra un po’ più avanti segnando un tiro clinico da fuori area per lo 0-2 (36esimo).

Serena per la maggior parte della partita, la difesa ha resistito bene alla pressione degli Spurs a fine partita. E il portiere Aaron Ramsdale ha perfettamente rassicurato in ogni suo intervento. Domenica prossima, l’Arsenal ospiterà il Manchester United, l’unica squadra a batterlo in questa stagione. Un’occasione per Mikel Arteta e i suoi uomini per calmare un concorrente sempre più minaccioso.

Spurs non abbastanza convincenti

Abbastanza rapidamente durante la partita, abbiamo sentito il Tottenham in difficoltà. A prima vista niente di anomalo per una squadra che ha l’abitudine di lasciare la partita all’avversario. Ma inevitabilmente si complica quando l’avversario in questione mostra una qualità di gioco come quella dell’Arsenal in questa stagione. E ancora di più quando questo avversario soffoca l’ultima delle tue azioni.

Nel primo periodo il pressing dei Gunners è arrivato ad annichilire gran parte delle azioni degli Spurs. Harry Kane e Heung-Min Son moltiplicano gli stalli per lanciare l’offensiva Ryan Sessegnon a sinistra e Dejan Kulusevski a destra. Ma nel 3-5-2 di Antonio Conte mancava il supporto del centrocampo.

Nella ripresa i giocatori del Tottenham hanno mostrato uno stato d’animo diverso: muro più alto, più supporto per il portatore e pressing collettivo per respingere i Gunners. Hanno persino creato situazioni che avrebbero potuto consentire loro di ridurre il divario, senza il buon gioco di Aaron Ramsdale. Ma questa raffica è arrivata troppo tardi per impensierire davvero una squadra dell’Arsenal che ha saputo reggere il confronto nei momenti di debolezza.

Questa sconfitta contro il capolista non è catastrofica per il Tottenham. Ma una vittoria nel derby avrebbe potuto innescare uno slancio positivo di cui gli Spurs sembrano aver bisogno in questo momento. Ancora 5° in PL, Harry Kane e compagni possono ancora credere nell’Europa. Ma hanno perso l’opportunità di correre più veloce dei loro inseguitori.

premier League

Un fastidioso fallo di mano: il csc di Lloris contro l’Arsenal

3 ORE FA

premier League

Greaves record, cap 200: Kane, un derby per la storia

21 ORE FA

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}