• Home
  • qualificata in extremis, la Spagna può dire “danke” alla Germania

qualificata in extremis, la Spagna può dire “danke” alla Germania

0 comments

Nonostante la qualificazione agli ottavi di finale, gli spagnoli sanno di non essere stati all'altezza della loro reputazione contro il Giappone al Khalifa Stadium di Doha il 1° dicembre 2022.

È una storia di ringraziamenti. Domani i giornali spagnoli potranno titolare: “Danke”. Senza il salto tedesco contro il Costa Rica (vittoria per 4-2) – nonostante fosse sotto 2-1 – La Roja sarebbe tornata a casa anzitempo. La Germania, al contrario, non ringrazia la Spagna che, con la sua pessima prestazione contro il Giappone, ha confermato l’eliminazione della Mannschaft.

Il giapponese, qualificatosi al primo posto nel girone E, può ringraziare (poco) gli arbitri del VAR, guidati dal messicano Fernando Guerrero, che hanno convalidato un secondo gol controverso (la palla sembra uscita dal campo), dopo lunghi minuti di controllo video.

La Spagna ha trovato il modo di mollare una partita che aveva completamente in mano contro i giapponesi. Alvaro Morata apre le marcature dal 12e minuto. Gli spagnoli controllano la partita come al solito.

Leggi anche: Giappone-Spagna: i giapponesi rovesciano La Roja e finiscono primi nel girone E, gli spagnoli secondi

Ma a differenza della prima partita, dove non ha dato tregua ai costaricani (7-0), la squadra di Luis Enrique ha inspiegabilmente smesso di giocare ed è stata travolta, al rientro dagli spogliatoi, in tre minuti dalla furia giapponese. Gli eroi del Giappone si chiamano Ritsu Doan e Ao Tanaka e per piantare bene il coltello nella ferita della Nationalmannschaft, si evolvono… in Bundesliga, a Friburgo e a Düsseldorf.

Giappone, selezione “veloce” e “fastidiosa”.

Di fronte a una selezione giapponese tanto dinamica quanto disinibita, la Spagna ha quasi preso – violentemente – la porta. Oltre alla spinta tedesca, è l’apertura in pompa magna di questo Mondiale a salvarla, grazie a una migliore differenza reti (+6 contro +1), a pari punti con i tedeschi.

Il salvatore degli spagnoli si chiama Kai Havertz. È stato lui a pareggiare nel 73e minuto dell’altra riunione del gruppo E. È tedesco ed è nato ad Aix-la-Chapelle. Città che incoronò Carlo V imperatore del Sacro Romano Impero, colui che poi sarebbe diventato anche Re di Spagna con il nome di Carlo Iè. Forse un segnale per i calciatori iberici.

Leggi anche: Costa Rica-Germania: nonostante la vittoria, i tedeschi sono comunque eliminati dai Mondiali al primo turno

Il Giappone è una selezione ” veloce “, “dinamico” et « esasperante »con un centrocampista che “piace molto” a Luis Enrico. ” Non ti danno il tempo di pensare, eseguire e prendere la decisione giustaHa aggiunto, Mi piace molto il loro centrocampo. Prendi Kubo, anche Takumi Minamino… Sarebbe un ottimo test per noi. Mi aspetto una partita complicata. Penso che domineremo la partita, avremo il possesso palla, ma sarà una partita aperta. »

In conferenza stampa, il tecnico spagnolo non si è certo creduto così tanto giusto. Tuttavia l’aveva promesso, i suoi protetti non avrebbero accettato ” nessun rischio. ” Intendo dire che giocherebbero questo terzo incontro per vincerlo, nonostante la loro situazione molto favorevole in classifica.

« Non c’è niente da proteggere. Pensiamo solo a vincere la partita. Siamo nel gruppo della morte. Siamo leader, ovviamente, ma ognuna delle quattro squadre può qualificarsi. Non abbiamo intenzione di rischiare nulla”.aveva affermato l’asturiano.

Mancanza di coinvolgimento spagnolo

Se i giapponesi hanno pienamente meritato la loro vittoria, possiamo incolpare la Spagna per il loro livello di gioco e il loro coinvolgimento. A differenza di Didier Deschamps, che ieri contro la Tunisia aveva rinnovato nove giocatori, il tecnico aveva apportato solo cinque cambi rispetto al pareggio contro la Germania, tra cui due giocatori che si candidano da titolare (Alvaro Morata e Cesar Azpilicueta).

Dopo il successo contro la Spagna, il Giappone giocherà gli ottavi di finale di Coppa del Mondo contro la Croazia.  A Doha, il 1° dicembre 2022.

Al contrario, la sua controparte giapponese è stata ascoltata dalle sue truppe, che hanno applicato la stessa strategia durante il loro successo contro la Germania. Due volte in vantaggio per 1-0, abbastanza attendista per 45 minuti, il Giappone ha ribaltato le gerarchie a costo di un secondo tempo giocato a ritmi frenetici. “Giocheremo una partita con molta pressione, ma crediamo nelle nostre possibilità, dovremo lasciare tutto in campopredisait Hajime Moriyasu, Il gruppo è pronto ad affrontare questa partita per qualificarsi agli ottavi e pronto a mostrare un volto migliore [après la défaite face au Costa Rica]. » Lunedì 5 dicembre il Giappone affronterà la Croazia.

Amante dei commenti e delle discussioni in diretta con il pubblico spagnolo sui social, Luis Enrique dovrà certamente giustificarsi nei giorni a venire. “Si vede ai Mondiali, dove attacca solo quando le squadre sono già dietro. Vedo le cose in modo diverso”ha detto su Twitch.

Parole che i suoi giocatori sono stati i primi a non mettere in atto. Martedì 6 dicembre, contro il Marocco, che beneficerà del sostegno di tanti tifosi, la Spagna dovrà mostrare un altro volto. E questa volta può contare solo su se stessa.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}