Riepilogo dei test pre-campionato MotoGP

A due giorni dall’incoronazione di Francesco Bagnaia, i piloti della MotoGP sono tornati in pista al Ricardo Tormo per i test prestagionali 2023. La migliore occasione per i team per testare le evoluzioni che porteranno la prossima stagione sulle loro moto. Hanno anche permesso ai piloti che hanno cambiato squadra di provare la loro nuova moto.

Le vacanze sono per stasera! A 48 ore dall’ultimo Gran Premio della stagione 2022 della MotoGP, i piloti sono tornati a Valencia per i test prestagionali 2023. Dalle 9.30 alle 17.30 categoria regina. Sul circuito Ricardo Tormo, l’importanza di questa giornata è stata cruciale visto che le prossime sessioni di test ufficiali si svolgeranno in Malesia, all’inizio di febbraio, poche settimane prima del primo weekend di gara. Quindi dovevi essere concentrato per testare tutto ciò che doveva essere testato.

Al termine di queste otto ore di guida, Luca Marini è stato il più veloce in 1’30”032. Si noti che a differenza di questo fine settimana, nessun pilota ha guidato in 1’29 ma ce ne sono stati 18 in 1’30. Leader per buona parte della giornata, Maverick Viñales è secondo, a più di due decimi dal leader. Decisamente veloce, la seconda moto del Mooney VR46 Team si posiziona sul podio con Marco Bezzecchi al manubrio.

Questa è la sorpresa di questa giornata! Dopo quattro anni di buon e leale servizio alla KTM, Miguel Oliveira ha corso per la prima volta su un’Aprilia del team RNF Racing. E il portoghese non ha impiegato molto a trovare le giuste impostazioni sulla sua macchina. Con il quarto miglior tempo è il miglior pilota tra quelli che hanno cambiato casa durante il mercato invernale. Decisamente in forma le Aprilia, con Aleix Espargaro che ha completato la top-5.

Quartararo in incomprensione, Zarco più a suo agio

La giornata non sarà stata così positiva come aveva sperato. Dopo la perdita del titolo mondiale domenica, Fabio Quartararo ha ammesso di essere impaziente di provare la sua moto 2023. Alla fine di questa seduta, la sua gioia era molto più celata. ” Sono un po’ deluso perché ci aspettavamo molto meglio, soprattutto in termini di velocità. Va detto che il pilota della Yamaha ha chiuso nono a più di mezzo secondo da Luca Marini. Il suo compagno di squadra Franco Morbidelli è retrocesso al 14° posto (+0”659). ” Durante i test di Misano e Barcellona abbiamo visto un netto miglioramento della nostra velocità di puntaha detto il francese al microfono di Canal +. Idem per Cal (Crutchlow, il pilota prova la Yamaha) a Jerez, e lì vediamo poca differenza. Ho sentito questa evoluzione su un giro perché avevo l’aspirazione, altrimenti la nostra velocità è ancora altrettanto pessima. Faremo un debriefing per capire cosa sta succedendo. “Lui che sperava di andare in vacanza con più certezza, finalmente sta affrontando lo stesso problema che gli hanno, in parte, fatto perdere il titolo mondiale in questa stagione. ” Avrei preferito avere un feeling migliore a fine giornata, questo è chiaro. Ma abbiamo sentito un miglioramento del motore nei test precedenti, quindi non c’è motivo per cui non dovrebbe funzionare ora. Cercheremo di trovare qualcosa che ci dia speranza per il futuro. »

Dietro Il diavolo, Enea Bastianini ha completato la top-10. Per la sua grande prima volta nella squadra ufficiale, l’italiano è stato l’unico a scendere a terra.

Una caduta senza gravità per il nuovo compagno di squadra di Francesco Bagnaia. Il recente campione del mondo è solo 12esimo, alle spalle di Johann Zarco. Soddisfatto delle sue prove il pilota della Ducati Pramac, 11° a 0”594. ” È stata una giornata efficace. La versione 2023 del motore dovrebbe permetterci di avere un’accelerazione migliore rispetto a quella del 2022. La Ducati GP22 è una moto molto maneggevole ma tende al beccheggio; quindi devi provare a combinare i due. “Anche se si ammette” non hai molto da provare », il francese aveva una nuova carenatura inferiore sulla sua moto. ” Ha permesso di avere una buona stabilità senza che la macchina risultasse pesante in curva. È stato piuttosto bello perché un po’ di stabilità mi fa sentire molto più a mio agio nella mia guida. Buone notizie nel clan Pramac, soprattutto perché Jorge Martin ha chiuso in ottava posizione.

Marquez pessimista, Mir e Rins partono in Honda

La Honda non è stata rassicurata a Valencia, tutt’altro. La prima macchina giapponese è solo in 13esima posizione con Marc Marquez al manubrio. L’otto volte campione del mondo non era molto sicuro di sé quando ha risposto alle domande di Canal+. ” Dovremo essere molto precisi sul nostro feedback sulla nuova moto perché so che è l’ultima possibilità di migliorarla durante l’inverno. Quello che guideremo in Malesia sarà quello per tutta la stagione, quindi dovrà essere competitivo. Speravo in più motore, che la mia moto avesse più carattere. Alcuni dei nostri problemi sono stati parzialmente risolti, ma dovremo fare un grande passo avanti. Altrimenti sarà difficile lottare per il campionato. Alla Honda LCR, Takaaki Nakagami ha chiuso al 19° posto. Sul versante giapponese l’attrazione è arrivata dai nuovi compagni di squadra dei primi due piloti citati. Nel team LCR, Alex Rins era in 20° posizione con la sua nuova moto. Due posizioni dietro il suo ex compagno di squadra, Joan Mir, equipaggiato con la moto ufficiale. ” Sono stati sorpresi dalla Honda nei primi giriha precisato Marc Marquez. Non è una moto facile ed è difficile cambiare moto. Ci vorrà del tempo. »

Miller, Espargaro e Fernandez scoprono la KTM

Brad Binder era quasi come un intruso nel clan KTM. Il sudafricano è stato l’unico pilota a guidare una moto austriaca in questa stagione. Il 3° al Grand Prix de Valence si è concluso con un buon 7° posto. Il suo nuovo compagno di squadra, Jack Miller, ha completato 70 giri sulla sua nuova macchina. L’ex pilota Ducati ha chiuso in 17esima posizione. Dal canto suo Pol Espargaro ha concluso questa sessione con il 16° tempo, lui che guidava la sua KTM RC16 con i colori del team GasGas, esordiente in MotoGP e di proprietà di KTM. Titolato questo fine settimana in Moto2, Augusto Fernandez, l’unico rookie della stagione 2023, era al 22° posto per la sua prima apparizione nella categoria regina. I 23 piloti presenti hanno completato un totale di 1613 giri per concludere quest’anno in MotoGP.

La classifica dei test prestagionali 2023:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *