• Home
  • Rugby – Libro nero. Ci hanno lasciato nel 2022

Rugby – Libro nero. Ci hanno lasciato nel 2022

0 comments

Jordan Michallet, Federico Martin Aramburu e Kelly Meafua ci hanno lasciato nel 2022.
Jordan Michallet, Federico Martin Aramburu e Kelly Meafua ci hanno lasciato nel 2022. (©Icona Sport)

18 gennaio 2022. Jordan Michallet (Rouen)

L’apertore o retroguardia del Rouen, allenato a Voiron e passato per Grenoble, è morto tragicamente all’età di 29 anni, facendo sprofondare il mondo del rugby nel profonda tristezza. Giordano Michelet è stato trovato morto in fondo a un edificio in costruzione.

Sposato da poco, futuro papà, nulla faceva presagire una simile tragedia. Con i nostri colleghi di 76 leggeNoélie, la sua compagna, aveva modestamente tributo pagato a ” [son] idolo”. Successivamente, ha chiarito che Jordan stava attraversando un periodo di depressione.

29 gennaio 2022. Guy Laporte

Presidente del club di Graulhet, il suo club di cui è stato giocatore tra il 1972 e il 1988, Guy Laporte è morto all’età di 69 anni a seguito di un attacco di cuore. 16 presenze con la XV di Francia, l’ex titolare aveva fatto parte del gruppo vincente del Grande Slam del 1981 e aveva giocato la prima Coppa del Mondo nel 1987.

25 febbraio. Va’aiga Tuigamala (Nuova Zelanda)

Nativo di Samoa, Previsioni di siccità ha giocato per gli All Blacks, in particolare durante la Coppa del Mondo del 1991. È stato uno dei primi esterni con un fisico eccezionale (110 kg). Nel 1996 decide di cambiare selezione, per aiutare le Samoa (22 presenze), con le quali partecipa ai Mondiali del 1999, poi diventa allenatore della nazionale nel 2002. Muore all’età di 52 anni.

La sua morte è arrivata 24 ore prima di quella di un altro All Blacks, Joeli Vidiri. Esterno potente, quello che era il cugino di Joe Rokocoko era anche un fenomeno di velocità. Vidiri era stato costretto a interrompere la sua carriera all’età di 27 anni, a causa di un problema ai reni. Morì all’età di 48 anni.

I funerali di Federico Martin Aramburu si svolgeranno a Biarritz sabato 26 marzo 2022.
Federico Martin Aramburu, ex nazionale argentino, passato da Biarritz, Perpigan e Dax, è stato ucciso a Parigi il 19 marzo. (©DR)

19 marzo 2022. Federico Martin Aramburu

Tragica notte a Parigi nel bel mezzo del Torneo 6 Nazioni. L’ex trequarti argentino, campione di Francia con il Biarritz Olympique, è stato assassinato dopo una rissa all’uscita di un bar. Federico Martin Aramburu è stato colpito più volte circostanze spaventose. Il principale indiziato: Loik Le Priol, vicino a circoli di estrema destra.

7 aprile 2022. Tom Smith (Scozia)

61 presenze con la Scozia, mantenute durante 2 tournée dei British and Irish Lions (1997 e 2001), Tom Smith è stato un pilastro degli anni 2000. Nel 2019, ha rivelato di avere il cancro. L’uomo che ha indossato la maglia del Brive tra il 1999 e il 2001 è morto all’età di 50 anni.

Video: attualmente su Actu

7 del 2022. Kelly Reason (Montauban)

Dopo la vittoria di Montauban contro il Narbonne, il 3e linea USM, Kelly Meafua morto dopo un 3e metà tempo troppo annaffiato. Lui è annegato, nel Tarn. 31 anni, padre di 4 figli.

12 giugno 2022. Phil Bennett (Galles)

Vincitore di 3 Grand Slam, l’illustre primo tempo è stato un membro chiave della brillante squadra del Galles degli anni ’70. Phil Bennet è stato anche determinante con i British Lions nel 1974. Nel 2005 è entrato nella Rugby Hall of Fame. Morì all’età di 73 anni.

3 novembre 2022. Benoit Dauga

Si è spento a 80 anni il grande personaggio dello Stade Montois e XV di Francia degli anni ’60. 9 volte capitano dei Blues, “le Grand Ferré” aveva vinto 3 Tornei 5 Nazioni, tra cui il primo Grande Slam nella storia del XV di Francia nel 1968.

Avendo iniziato con il basket, Benoit Dauga si è unito al rugby seguendo per alternare tra la seconda linea e le posizioni numero 8. Ha interrotto la sua carriera nel 1975, dopo un contrasto che lo ha lasciato un tempo tetraplegico. Si era ripreso, con altruismo, ed era stato presidente dello Stade Montois tra il 2003 e il 2006.

L'ex seconda linea della Scozia, Doddie Weir, soffriva da anni della malattia di Charcot.
L’ex seconda linea della Scozia, Doddie Weir, soffriva da anni della malattia di Charcot. (©Icona Sport)

26 novembre 2022. Doddie Weir (Scozia)

Grande seconda linea della squadra scozzese negli anni ’90, Doddy Weir (61 selezioni) aveva giocato 3 Mondiali. Affetto da una malattia neurodegenerativa, ha creato la My Name’5 Doddie Foundation per aiutare tutte le persone colpite. Morì all’età di 52 anni, poco dopo essere stato accolto dal pubblico di Murrayfield durante la partita contro gli All Blacks.

4 dicembre 2022. Jean-Marie Giraud (Tolosa)

Ex seconda linea dello Stade Toulousain, Jean Marie Giraud aveva vinto 2 titoli di campionato francese con il Rouge et Noir. Dopo essersi convertito alla ristorazione, ha recentemente arbitrato come arbitro video in Pro D2. Morì di infarto all’età di 64 anni.

19 dicembre 2022. Max Brito

Ex ala passata da Biscarosse, l’ivoriano non si era ripreso dopo un riordino ai Mondiali del 1995 contro il Tonga (rottura del midollo spinale tra la 4ª e la 5ª vertebra cervicale). Massimo Brito si è spento all’età di 54 anni, “accompagnato con dignità e senza sofferenze nel suo ultimo viaggio”.

Ma anche : Jean Carrere (8 selezioni con il XV di Francia, 92 anni), Alain Plantefol (11 selezioni con il XV di Francia, 80 anni), Paolo Biemouret (19 selezioni con il XV di Francia, 79 anni), Andrè Maratuech (campione di Francia con il Narbonne, 69 anni).

Questo articolo ti è stato utile? Sappi che puoi seguire Actu Rugby nello spazio Le mie notizie . In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le news delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}