scopri i “phryges”, mascotte dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024

Allegorie della libertà, lunedì sono state svelate le mascotte dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024 ispirate ai berretti frigi.

Da Grenoble nel 1968 per le Olimpiadi invernali con “ Zitto “, omino sugli sci, le mascotte sono entrate nella tradizione dei Giochi Olimpici e hanno conquistato, edizione dopo edizione (estate e inverno), un posto speciale. Grazie all’elevata visibilità. Una forte identità. Per i Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024 gli organizzatori hanno presentato lunedì il “ frigi ispirato al berretto frigio. “ La mascotte ha sempre un forte significato simbolico ed emotivo, intesse un forte legame tra i bambini ei Giochi. È visibile prima e durante i Giochi. Le mascotte olimpiche e paralimpiche di Parigi 2024 saranno sui campi, intorno agli stadi, sono quelle che intrattengono il pubblico, le persone che vengono a visitare i Giochi. Nella storia dello sport, dei Giochi, sono spesso quelli che vengono chiamati animali totem, simboli del paese ospitante. Come il panda alle Olimpiadi di Pechino 2008 (e 2022). O il cane dei Giochi di Barcellona 1992. Londra aveva, nel 2012, fatto una scelta diversa con una mascotte creata da una delle ultime due gocce di acciaio britannico utilizzate per la costruzione dello stadio olimpico di Londra. Parigi 2024 ha scelto un’altra strada. Scoperta.

La mente : « Il 65% delle mascotte sono animali, con una maggioranza di orsi. Questo è esattamente quello che non volevamo fare. E che non l’abbiamo fatto. L’idea iniziale è rottura, rivoluzione. Abbiamo pensato di volere che questa mascotte incarnasse lo spirito francese, che potesse portare un ideale e, attraverso di esso, trasmettere valori e una parte della nostra storia, di cui si trovano tracce fin dal XII secolo. secolo durante il cantiere della cattedrale di Notre Dame a Parigi riassume Julie Mathikine, direttrice del brand Paris 2024.

Il berretto frigio: « Volevamo distinguerci da un animale per un ideale. Un oggetto, un berretto frigio, un simbolo che incarna la Repubblica francese. Ciò consente di portare il simbolo dei giochi francesi “, riassume Tony Estanguet, il presidente del Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici delle Feste 2024. “ È questa allegoria della libertà, presente nelle arti attraverso il dipinto di Delacroix ”La libertà che guida il popolo”, con il berretto stile Marianne, la ritroviamo nelle nostre istituzioni e nella vita di tutti i giorni, sui francobolli o sulle monete che erano in franchi. Il berretto frigio, non lo rende un personaggio carino o amichevole, ci voleva un po’ di design “dice Julie Mathikine. Prima di affermare: Lo scopo della mascotte olimpica e della mascotte paralimpica è dimostrare che lo sport può cambiare tutto e dare slancio per entrare o rientrare nello sport, per diventare tifosi ipermotivati. Sono due, lavorano in duo. È dalla combinazione delle loro personalità che nasce l’equilibrio. Il loro motto è dire che da soli possiamo andare più veloci ma che insieme possiamo andare oltre. “Ultimo chiarimento: “ Diciamo una mascotte ma i frigi sono senza genere. »

I peluche: La mascotte olimpica (più piccola e tozza) indossa scarpe da ginnastica, la mascotte paralimpica (più alta e magra) ha una scarpa da ginnastica e una lama sulla gamba destra. Occhi azzurri, portano una coccarda negli occhi e indossano un berretto frigio rosso. Blue è stato testato per la mascotte paralimpica, prima di essere abbandonato, in particolare a seguito di discussioni con i bambini a cui è stato presentato lo stato di avanzamento del progetto.

I prodotti derivati: I peluche (da 24 a 80 cm), in poliestere, saranno venduti a partire da 26 euro. La quota dei prodotti mascotte potrebbe rappresentare dal 20% al 25% dei ricavi delle licenze. Ci saranno anche magliette, felpe con cappuccio, portachiavi, spille, monete di Parigi…

Punti vendita : Carrefour sarà il distributore ufficiale per la grande distribuzione alimentare, a partire da questo martedì. Come i negozi specializzati JouéClub e il Grande Récré. E il negozio ufficiale di Parigi 2024 che aprirà questo mercoledì a Parigi, a Les Halles.

La realizzazione : Gipsy and Doudou and company (che il 29 novembre aprirà una fabbrica a Guerche-de-Bretagne per produrre il 15% degli animali imbalsamati in Francia), due società francesi si occuperanno della produzione, in Cina.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *