• Home
  • Serata ideale per i Metropolitans 92, unici leader di Betclic ÉLITE

Serata ideale per i Metropolitans 92, unici leader di Betclic ÉLITE

0 comments

Ci sono volute 51 partite ad Antoine Rigaudeau per raggiungere i 500 punti. 52 per Tony Parker. E solo 44 partite per Victor Wembanayama. Sono solo tre nella storia del basket francese ad aver superato questo traguardo simbolico prima dei 19 anni, indica Proballers. “Wemby” è stato il più veloce, ovviamente. “Non smetterà di battere record, ce ne saranno altri”infilò Vincent Collet, l’allenatore dei Mets 92, con un ampio sorriso. Un altro numero per la strada? Con 32 punti (a 12/20 sui tiri), Victor Wembanyama ha intrapreso un’altra attività di demolizione contro i BYers segnando 30 o più punti per la quarta volta consecutiva. Questo è solo il nono giocatore francese a raggiungere questa impresa nell’LNB. Il bambino di Nanterre 92 è il primo tricolore a farlo quattro di fila.

LEGGI ANCHE. Vincent Collet: “Non ci siamo divertiti nel modo giusto”

A suo vantaggio contro una racchetta da fossa particolarmente piccola, Victor Wembanyama a volte mancava di precisione nelle sue scelte, come tutta la sua squadra. Johan Passave-Ducteil, alto 2 metri e 37 anni, ha provato a suonarlo come un vecchio canaglia ma spesso è apparso sopraffatto dalle braccia tentacolari di Victor Wembanyama. “Victor ha avuto un primo tempo eccezionale ma un terzo quarto pessimo perché ha iniziato a provare cose improbabili ma si è ripreso nel 4° quarto per segnare punti importanti”spiega Vincent Collet, l’allenatore dei Mets 92. La serata è stata tanto più bella in quanto Cholet, fino ad allora co-leader del campionato con i Mets 92, è caduto alla Hall André-Vacheresse de Roanne (98-72), dove CB non vince dal 2010-2011. “Spero che questo ci serva da monito”, ton Vincent Collet, già rivolto a un pericoloso viaggio nella Loira martedì prossimo, il quale non ha mancato di sottolineare che l’anno scorso la Corale aveva fermato lo slancio di Boulogne-Levallois.

« Nel secondo tempo non so se abbiamo avuto tanto possesso palla con più di due assist”.

Dall’alto della sua sedia Betclic ELITE, forse i protetti di Marcel-Cerdan hanno preso dall’alto Fos-sur-Mer, bloccato in fondo alla classifica con Le Portel (2 vittorie – 8 sconfitte). “Volevamo divertirci ma non l’abbiamo fatto nel modo giusto prendendo decisioni incongrue”, critica Vincent Collet. Di fronte ai meridionali in cerca di recupero dopo cinque sconfitte consecutive e recenti uscite incoraggianti, i Metropolitans 92 hanno mostrato due volti. In coda, ottimo avvio di gara, segnato dal “3+1” di Victor Wembanaya – “inventa azioni, è il suo classico”, ha detto Rémy Valin, l’allenatore avversario, in una conferenza stampa – con fluidità su entrambi i lati del campo. Sul fronte, lo stormo di Vincent Collet, contando fino a 17 punti di anticipo (26-9, 8′), si è ostinato a giocarsela individualmente e oSi sono resi colpevoli di uno sfortunato rilassamento al rientro dagli spogliatoi. “È più di questo”tuona l’allenatore Boulogne-Levallois. “Nel secondo tempo non so se abbiamo avuto molto possesso palla con più di due assist. Era senza fiato. »

“Creeremo sorprese”

Lontano dai suoi standard collettivi, Hugo Besson (14 punti) e la sua truppa hanno rilasciato una serie di palloni lungo il percorso (14) e hanno offerto una seconda possibilità a Fos-sur-Mer (20 rimbalzi offensivi). Per costringere a dare loro le munizionii Fosséens hanno raccolto quattro lunghezze su un tiro premiato di Milan Barbitch (15 punti, 5 assist), in avvio di money time (77-73, 34′). “Potevamo andare avanti in quel momento”riavvolge Milan Barbitch, frustrato per non aver colto questa opportunità. « Eravamo euforici, ci siamo lasciati andare, non siamo rimasti concentrati e costanti. » Tre Scott, spesso trascurato dalla difesa dei Mets 92, non ha mai convertito le sue triple (0/6). “Ha un problema di fiducia perché ha diversi tiri aperti che possono ribaltare le cose”sussurra Rémy Valin, ancora contento dello stato d’animo mostrato dai suoi uomini. “Abbiamo combattuto con le nostre armi, non abbiamo nulla di cui vergognarci della nostra prestazione. » Braccia penzolanti, occhi fissi sul tiro da tre punti di Shevon Thompson, Victor Wembanyama si è offerto un’ultima golosità contrastando Allan Dokossi sulla ribattuta offensiva, poco prima della sirena finale. La prova di un nuovo dominio incontrastato nel racket.

Ancora alla ricerca di un primo successo esterno, Fos-sur-Mer si recherà martedì a Cholet per cercare di abbattere una delle squadre in forma all’inizio della stagione. “Presto creeremo sorprese”sciolto Milan Barbitch, lo sguardo convinto, prima di uscire dalla sala stampa.

Clicca qui per visualizzare le statistiche della partita

A Levallois,

par

2 dicembre 2022 alle 10:59

Ci sono volute 51 partite ad Antoine Rigaudeau per raggiungere i 500 punti. 52 per Tony Parker. E solo 44 partite per Victor Wembanayama. Sono solo tre nella storia del basket francese ad aver superato questo traguardo simbolico prima dei 19 anni, indica Proballers. “Wemby” è stato il più veloce, ovviamente. “Gallina…

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}