Stade Toulousain: dopo la ringiovanita squadra di Bayonne, quale faccia nella prossima partita contro lo Stade Français?

l’essenziale
Di fronte alla seconda in classifica, sabato 5 novembre all’Ernest-Wallon (15, 10a giornata di Top 14), il Tolosa dovrebbe schierare, per forza di cose, una squadra quasi simile a quella di questo weekend di Bayonne (26 sconfitte – 22). Dovremo mantenere lo spirito del secondo periodo.

“Sinceramente è passato molto tempo dall’ultima volta che ho avuto una settimana di merda come questa. Avevamo ventitré professionisti in meno, due o tre giovani che giocavano con noi, infortunati. Abbiamo portato un internazionale (Cyril Baille) e spero resta un’altra settimana con noi”.

Eravamo quindi a Jean-Dauger pochi minuti dopo l’incontro. Ugo Mola sorrideva, non aveva voglia di lamentarsi. L’allenatore del Tolosa ha solo contestualizzato le cose per congratularsi meglio con questi giovani giocatori che hanno quasi invertito il corso di un incontro iniziato molto male e alla fine hanno trovato una giusta ricompensa con un punto bonus difensivo.

Leggi anche:
INGRANDISCI. Bayonne-Stade Toulousain: XV fantasma in un incubo! Come si sono comportati i giovani di Tolosa in terra basca?

Poche ore dopo, il desiderio di Ugo Mola non è stato esaudito poiché Cyril Baille è già stato convocato in Francia. Peggio ancora, sabato sera nei Pirenei Atlantici il Pirenei è salito a Parigi, accompagnato da uno dei suoi compagni di giochi: Dimitri Delibes.

Si tratta quindi di undici giocatori convocati in Francia all’inizio della settimana. Quanti torneranno mercoledì sera al Tolosa e potranno schierarsi contro lo Stade Français? Forse solo uno (Dimitri Delibes) se Cyril Baille fa la stessa impressione durante l’allenamento in azzurro di quando è entrato in gioco a Bayonne.

Pertanto, l’equazione di Tolosa sarà ancora difficile da risolvere. Anche se lo staff può eventualmente contare su qualche feedback. Pensiamo ad Alexandre Roumat, Richie Arnold (schiena bloccata prima di Bayonne) o Rynhardt Elstadt.

Leggi anche:
REAZIONI. Bayonne-Stade Toulousain: “It’s ch…” fa infuriare Lucas Tauzin dopo la sconfitta del “Rouge et Noir”

Acquisire esperienza

Con più selezionati e più infortunati del previsto, i bleusaille del Tolosa dovranno ancora continuare il loro apprendistato contro il secondo in campionato, lo Stade Français, che tra l’altro giocherà una terza partita consecutiva contro il Tolosa in un periodo doppio!

Questa gioventù dovrà crescere in fretta. Un po’ come sapeva fare a Bayonne presentando due facce. Questo è ciò che ha un po’ infastidito Ugo Mola sorridendogli: “Sono molto orgoglioso della nostra giovane guardia e un po’ più deluso dall’inizio della partita. Fa parte di questo apprendimento per molti. Mi sarebbe piaciuto che avessimo dato un po’ di cambio in più su tutta la partita e non poco più di cinquanta minuti.

Leggi anche:
Bayonne-Stade Toulousain: agnelli poi… lupi! Come i “Rossoneri”, staccati di 20 punti, hanno finalmente riportato un bonus difensivo

Questo è l’attuale dilemma dello stadio. Il club sa che questi minuti raccolti dai giovani porteranno loro esperienza. Ma sa anche che la ruota del campionato gira e che il contapunti deve girare con essa.

Il risultato di La Rochelle significa che questa giornata non ha danneggiato il club “rossonero”. Per domani, vedremo. Ma la strategia del girone allargato è più che mai validata secondo l’allenatore del Tolosa: “Non posso venderti il ​​fatto di allenarti a cinquanta per tutta la stagione e, il giorno in cui mi mancano ventitré professionisti, ti dico che non t affidarsi ai giovani. Certo è tempo guadagnato, esperienza. Le partite di alto livello sono l’allenamento migliore. Ci dimostrano anche che certe cose ci mancano, che dobbiamo ancora lavorare”.

Leggi anche:
Bayonne-Stade Toulousain: il Tolosa perde contro i Paesi Baschi ma vince il bonus difensivo all’ultimo secondo!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *