• Home
  • Sturla Holm Laegreid e la tripletta norvegese – Info Sport – Sci

Sturla Holm Laegreid e la tripletta norvegese – Info Sport – Sci

0 comments

Un folle inseguimento

Questa giornata molto fredda doveva iniziare alle 12:10 con questo inseguimento maschile, ma all’ultimo momento gli organizzatori e l’IBU hanno posticipato la partenza di 15 minuti perché la pista era troppo ghiacciata in alcuni punti, al limite del pericoloso.

Il tempo per rielaborare alcuni passaggi e la partenza sarà data ma abbastanza velocemente in gara ci accorgeremo che alcuni biathleti hanno problemi con il loro equipaggiamento, e in particolare Johannes Boe.

Leader intoccabile della Coppa del Mondo, è stato scavalcato dall’immenso Sturla Holm Laegreid al primo tiro per un primo fallo. I due uomini scieranno insieme il secondo giro e poi si schianteranno.

A poco a poco Johannes Boe non riusciva più a sciare, i suoi sci non tenevano più sulla pista ed è quasi caduto diverse volte. Intanto Laegreid vola via e il potente Vetle Sjastad Christiansen torna come una bomba da dietro.

Equipaggiati con una marca di sci diversa, i due compagni di squadra del numero 1 mondiale lo hanno letteralmente lasciato lì e le migliaia di tifosi si sono chiesti cosa stesse succedendo.

Salvo miracolo impossibile, Johannes Boe non può fare altro e la vittoria si deciderà all’ultimo tiro tra Christiansen e Laegreid. Partito con il pettorale numero 10, il poderoso Vetle, non ancora vincente in questa stagione, non è molto sereno, a differenza della macchina Sturla.

Ancora una volta impeccabile, il numero 2 del mondo abbatterà i suoi ultimi 5 bersagli con sconcertante maestria mentre il suo rivale scivola due volte sul ring di rigore, mentre J.Boe salva il podio con un brillante ultimo tiro.

Gli ultimi chilometri saranno quasi una formalità per questo immenso Sturla Holm Laegreid che è arrivato a regalarsi il suo 10° successo in carriera, tanto meritato dopo tutti i podi ottenuti in questa stagione.

Tutti sorridono Vetle Sjastad Christiansen mantiene finalmente la sua prestazione di riferimento, dopo un inizio di stagione complicato. Ha chiuso con 24 secondi di vantaggio su Johannes Boe, terzo a 35 secondi, che non aveva le armi per fare meglio.

Claude171222la5845.JPG

Splendido 4° posto per Fabien Claude

Classificato 7° nello sprint, il vosgien aveva grandi ambizioni per questa gara e lo dimostrerà. Molto in forma, gareggia con i norvegesi sugli sci ma si farà comunque passare davanti il ​​razzo di Christiansen.

Grazie a un ottimo tiro e alla preoccupazione di Johannes Boe, resterà in partita per il terzo posto fino all’ultimo tiro. Ma quando la pettorina gialla fa un giro netto, manca l’ultima pallina.

Purtroppo è dovuto scivolare via una seconda volta sul ring dei rigori, troppo per tornare su Boe, ma abbastanza per chiudere al meglio Habs con questo bellissimo 4° posto acclamato da questo splendido pubblico.

Al 5° posto, sì, troviamo ancora un norvegese con il promettente Filip Andersen. Partito in 15esima posizione, firmerà una buona rimonta grazie al suo 19/20 prima di firmare un bellissimo ultimo giro che gli permetterà in particolare di superare Quentin Fillon Maillet.

Sebastian Samuelsson ha preso il 6° posto a 1min03.

Non è un gran giorno per i nostri leader

Quentin Fillon Maillet, autore di un magnifico 20/20, è partito ottavo a 1 minuto e 10 da Johannes Boe. Eppure, nonostante il suo tiro a scuola, completerà la sua gara al 7° posto, a 1 minuto e 10 dal leader.

Anche lui non era al meglio sugli sci e lo si è sentito fin dal primo giro. Penalizzato, come Johannes Boe, dal suo equipaggiamento, è riuscito a salvare la gara grazie alla sua precisione.

Per Emilien Jacquelin questa ricerca non sembrerà molto. Fin dall’inizio ha preso tutti i rischi, dopo lo sprint, ed è tornato vicino alla Top 10 a metà percorso prima di crollare completamente.

Il Dauphinois mancherà semplicemente sei bersagli fissi e finirà lontano dai suoi rivali, a più di 3 minuti e 30 di distanza, al 30° posto. Basti pensare che domenica sarà piuttosto sconvolto alla partenza della mass-start.

Se i nostri due leader non hanno avuto una buona giornata, non è così per Antonin Guigonnat. Davanti alla sua famiglia, l’Haut Savoyard si offre alla rimonta che sta andando bene passando dal 25° all’8° posto nonostante quattro falli.

A differenza di altri, aveva il materiale ideale per brillare in questa ricerca piuttosto sconcertante grazie alla sua sceneggiatura.

Si segnalano anche il bellissimo 12° posto di Florent Claude per il Belgio, il 15° di Tarjei Boe e il 24° di Emilien Claude. Non è partito l’ottimo svizzero Niklas Hartweg, malato.

Proseguimento e fine domenica con la mass-start

Classifica completa QUI

Classifica Coppa del Mondo QUI

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}