• Home
  • Top 14. Lam, Woki…. I 5 Flop dell’ingaggio al termine dell’andata di campionato

Top 14. Lam, Woki…. I 5 Flop dell’ingaggio al termine dell’andata di campionato

0 comments

L'esterno del Montpellier Ben Lam è una delle grandi delusioni nel reclutamento durante la prima parte della stagione Top 14.
L’esterno del Montpellier Ben Lam è una delle grandi delusioni nel reclutamento durante la prima parte della stagione Top 14. (©Icona Sport)

Il aller fase a partire dal Superiore 14 è finita, e Tolosa lo è la squadra che ha fatto meglio. In questo periodo natalizio, e anche se non c’è tregua, è tempo di tirare i primi bilanci. Dopo aver rivelato i primi 5 esordienti, Al tempo del Rugby presentati i 5 fallimenti del reclutamento mezza stagione (è una lista, non una classifica, ndr).

Ben Lam (Montpellier)

Sembra lontano l’esterno che ha fatto la differenza nei duelli per 2 anni con Bordeaux-Bègles. Certo, il neozelandese non è il giocatore più costante, ma il suo fisico e la sua esplosione di velocità lo hanno reso un cliente Top 14.

Montpellier voleva portare muscoli sulla sua linea della trequarti, ma anche qualità nella rifinitura vicino alla linea avversaria. Ben Lam ha giocato solo 6 partite e ha segnato solo 2 piccole mete. In difesa, non è stato sempre impeccabile nel suo posizionamento.

Jérémy Sinzelle non è molto soddisfatto del suo inizio di stagione con il Tolone.
Jérémy Sinzelle non è molto soddisfatto del suo inizio di stagione con il Tolone. Il coltellino svizzero che brillava a La Rochelle è molto lontano. (©Icona Sport)

Jeremy Sinzelle (Tolone)

A La Rochelle, Jérémy Sinzelle ammesso di essere un notevole coltellino svizzero. In campo è un ragazzo che sente il gioco, intelligente, tecnico e presente in difesa. Quando ha deciso di tornare a Tolonepensavamo che l’RCT avesse effettuato reclutamento molto intelligente.

Se è stato molto spesso schierato (11 partite, 9 volte titolare), e in particolare al centro, il nativo di Nizza ha fatto bene lontano dalle aspettative. Non evita il lavoro, ma ci sono state poche azioni in cui si è distinto. Peccato, perché ha tutto bene.

Isaiah West (Tolone)

Tolone ha “sacrificato” Carbonel e Belleau per dargli più spazio possibile nel n°10. Isaia Ovest non è nemmeno infastidito dalla competizione per la posizione. Il campione europeo 2022 con La Rochelle, tuttavia, non ha convinto nelle sue prime partite e l’RCT ha persino cambiato il mediano di mischia Baptiste Serin al numero 10 in alcune partite. Vale a dire.

A novembre, il club del Var ha addirittura colto l’occasione per tirare a segno l’international gallois Dan Biggar. Un segnale forte che lascia presagire ancora meno minutaggio per il neozelandese, capace del massimo, ma anche di delusioni.

Video: attualmente su Actu
Cameron Woki partirà dalla panchina del Racing 92 per la seconda volta in questa stagione.
Cameron Woki al Racing 92, non è stato un grande successo durante questa prima tappa della Top 14 2022-2023. (©Icona Sport)

Cameron Woki (Corsa 92)

La sua partenza de Bordeaux-Bègles aveva fatto scalpore: mentre aveva ancora un anno di contratto, Cameron Woki chiesto di andarsene. Puntato di Christophe Urios, aveva optato per la regione parigina, da dove viene, e il Corsa 92.

In questa prima parte di stagione non abbiamo quasi mai visto il Woki della squadra francese con la maglia di Ciel et Blanc. Lo ha riconosciuto lui stesso all’inizio di novembre, quando era con i Blues: “Sta a me essere migliore e adattarmi, arriverà, ti chiedo di avere pazienza”. C’è stato un po’ meglio da allora, prima di una copia molto triste quando è entrato in campo contro lo Stade Français poco prima di Natale. Ecco uno che deve una bella rivincita nella seconda parte di campionato.

Julien Hériteau (Clermont)

Doveva tornare a Clermont. Per il momento, l’ex Agen e Toulonnais lascia insoddisfatti i sostenitori dell’ASM. Il nazionale francese (1 selezione), oltre ad essere stato infortunato per molte settimane, non ha avuto alcuna influenza sul gioco della sua squadra. Offensivamente, non ha fatto quasi alcuna differenza, e sulla difensiva, Julien Hériteau era febbricitante. Tutto il contrario di quello che ci si aspetta da un centro.

Avrebbero potuto essere citati : Warrick Gelant (Racing 92), Leone Nakarawa (Castres), Teddy Thomas (La Rochelle), Mathieu Hirigoyen (Stade Français).

Questo articolo ti è stato utile? Sappi che puoi seguire Actu Rugby nello spazio Le mie notizie . In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le news delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}