• Home
  • Trasferimenti: Marchant, Simmonds, Willis… Gli inglesi fanno mercato

Trasferimenti: Marchant, Simmonds, Willis… Gli inglesi fanno mercato

0 comments

I nazionali inglesi non erano mai approdati così forte nel campionato francese. Tra un contesto finanziario teso e opportunità di carriera, i loro arrivi sono in aumento.

I giocatori inglesi non sono mai stati così di moda nella Top 14. Lo è stato nelle ultime settimane dopo la liquidazione coatta di Worcester e Wasps, che ne hanno immessi molti sul mercato. La terza fila Brad Shields (31; 8 presenze) e l’esterno Ali Crossdale (24) si sono uniti al Perpignan; il mediano di mischia Dan Robson (30; 16 presenze) ha firmato per Pau; il pilastro Biyi Alo (28 anni) è passato al Racing; l’esterno Paolo Odogwu (25) ha scelto lo Stade Français; il terzo Jack Willis (25 anni; 6 selezioni) sbarcò a Tolosa quando suo fratello Tom (23 anni) rinforzò l’Union Bordeaux-Bègles. Ecco i principali colpi che riguardano jolly medici o giocatori aggiuntivi, fino alla fine della stagione. Ma questo vale anche per il prossimo anno. C’è un effetto Zach Mercer (25 anni; 2 selezioni), ottimo a Montpellier dall’estate 2021? Lui, che ha buone possibilità di giocare il prossimo Mondiale, tornerà in patria, Gloucester ha già confermato il suo ingaggio. Ma sarà sostituito nell’Hérault dal suo connazionale Sam Simmonds (28 anni; 19 selezioni), campione europeo con l’Exeter e che era all’ultimo tour dei British and Irish Lions.

Tetto salariale e idoneità

Sempre all’MHR, Simmonds sarà accompagnato da un altro nazionale dei Chiefs, il tallonatore Luke Cowan-Dickie (43 presenze). E lo Stade Français ha ufficializzato questa settimana un’informazione rivelata su queste colonne ad ottobre: ​​l’ingaggio del trequarti centro Harlequins Joe Marchant (26 anni; 13 selezioni), considerato uno dei migliori giocatori d’Oltremanica. Come spiegare questi arrivi? Prima dal costante abbassamento del salary cap in Inghilterra, inferiore a quello francese, che permette a questi ragazzi dai curriculum brillanti di puntare a stipendi più alti nella Top 14. Poi, di fronte all’accresciuta concorrenza del Giappone, molte stelle del sud preferiscono girare in fila campionato giapponese, i leader francesi si rivolgono quindi più facilmente a elementi inglesi per prendere di mira i big stranieri. Infine, se già di recente è stata fatta un’eccezione nelle situazioni di Worcester e Wasps, la Federazione (RFU) potrebbe adeguare e continuare ad allentare le proprie regole di ammissibilità per la nazionale. Fino ad allora era impossibile rivendicare il XV della Rosa giocando all’estero. Resta da conoscere la posizione del successore di Eddie Jones sull’argomento.

Willis e Robson, solo freelance?

Questo è uno dei motivi per cui si porrà rapidamente la questione di una proroga dei suddetti termini. Ali Crossdale, ad esempio, ha un’opzione per un anno in più nel suo contratto con Usap. Appena sbarcato a Tolosa, Jack Willis, che ha suonato lo scorso tour autunnale, ha dichiarato anche durante il suo primo discorso in Mezzogiorno Olimpico la settimana scorsa : “Penso che mi piacerebbe restare qui. Dobbiamo vedere come va. Tutto è cambiato così velocemente nelle ultime settimane. Vedremo se c’è un’opzione per prolungare l’avventura qui e la studieremo se sarà il caso .” Internamente, la sua integrazione sportiva e umana ha comunque impressionato. Se esiste la possibilità, potrebbe sopperire alla partenza del Selevasio Tolofua a Tolone, sapendo che sono in scadenza di contratto anche Alban Placines e Rynhardt Elstadt, nome dello Springbok che circola in diverse squadre della Top 14. Gli scambi sono già avvenuti tra questi due giocatori e i decisori del Tolosa. Anche l’Union Bordeaux-Bègles sta cercando di addensare la sua terza linea e la presenza al club di Tom Willis può essere un’opportunità interessante se le volontà sono comuni. Idem per Dan Robson a Pau, la cui prestazione a Castres domenica scorsa non è passata inosservata. Quando gli è stato chiesto martedì se intendeva registrarsi a lungo termine, ha risposto: “Assolutamente. È un grande cambiamento ma mi sono sentito molto bene qui da quando sono arrivato.. Sono stato straordinariamente fortunato a trovare un posto nella Top 14″.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}