Troppo timorosi, i bretoni si accontentano delle dighe – DBrief e NOTE dei giocatori (Rennes 1-1 Larnaca)

Con un pareggio contro l’AEK Larnaca (1-1) giovedì durante l’ultima giornata della fase a gironi di Europa League, lo Stade Rennais ha concluso al 2° posto nel Girone B. I bretoni giocheranno quindi gli spareggi di C3.

Troppo Timor

Benjamin Bourigeaud, invece, ha dato tutto.

Come AS Monaco e FC Nantes, lo Stade Rennais giocherà gli spareggi di Europa League. Nell’ultima giornata della fase a gironi, il club bretone è stato agganciato dall’AEK Larnaca (1-1) giovedì.

Risultato insufficiente per il primo posto perché il Fenerbahe ha dominato la Dynamo kyiv (2-0) e quindi resta in testa al Girone B. Durante i play-off, la squadra della Ligue 1 affronterà Ajax Amsterdam, Bayer Leverkusen, FC Barcelona, ​​Sporting Portogallo, RB Salisburgo, Shakhtar Donetsk, FC Sville o Juventus Torino.

Abline lancia Rennes

In un bel clima al Roazhon Park, l’inizio della partita è stato piuttosto equilibrato con una piccola allerta sulla gabbia di Alemdar con un tiro di Garcia bloccato all’ultimo momento. E dopo un pallone recuperato alto da Bourigeaud, Abline approfitta di un intervento sbagliato del portiere avversario su un tiro sul primo palo per aprire le marcature (1-0, 17°). Un grande errore! In confidenza, il club bretone ha pensato di raddoppiare la scommessa in mezzo al pubblico di Majer, ma logicamente è stato segnalato un fuorigioco di Asignon.

Nonostante il controllo dei dibattiti, gli uomini di Bruno Gnsio mancano di efficienza nella zona della verità per sfondare, con situazioni mal negoziate da Kalimuendo e Abline. Fino alla pausa, Rennes ha avuto difficoltà ad accendere davvero questo incontro contro i volontari ciprioti nei duelli.

Bretoni innocui e puniti…

Costretto a segnare gol per sognare il primo posto, il Rennais torna con intenzioni ben più offensive. Ma nonostante un’evidente volontà, il club francese si è dimostrato troppo poco ispirato per creare pericolo e il ritmo è diminuito rapidamente… Per svegliare la sua squadra, Gnsio ha deciso di lanciare Doku, Gouiri, Dou e Ugochukwu nel giro di pochi minuti. Abbastanza per preparare questo incontro? Non proprio…

Eppure spinti da un pubblico esemplare, i bretoni si mostrarono innocui con una reale incapacità di preoccupare Piric. Peggio ancora, il Rennes ha subito il pareggio con un primo gol di Gyurcs respinto da Alemdar prima di un altro tiro di Lopes (1-1, 76′). Negli ultimi minuti la squadra della Ligue 1 non è riuscita ad attaccare la gabbia avversaria e si è dovuta accontentare di questo pareggio.

Punteggio partita: 4/10

Un incontro deludente. In un bollente Roazhon Park, lo Stade Rennais, costretto a segnare tanti gol per sognare il primo posto, aveva tutti gli ingredienti per accendere il dibattito. Ma nonostante un risultato rapidamente segnato, i bretoni hanno avuto davvero difficoltà a preparare questa parte. Probabilmente teso dalla sfida, il club francese ha giocato a ritmi molto lenti…

Gli obiettivi :

– Su palla recuperata alta, Bourigeaud serve subito Abline in ingresso in superficie. Dopo una percussione, il Rennais tenta la fortuna con un tiro sul primo palo e approfitta di un intervento fallito di Piric per aprire le marcature (1-0, 17°).

– Dopo un cross deviato da Belocian, Gyurcs, anche lui solo, tira al volo sul secondo palo. Dopo l’interruzione di Alemdar, segue bene Lopes che pareggia con un tiro piazzato (1-1, 76°).

Le NOTE del RENNES

Maxifoot ha assegnato un voto (su 10) commentato ad ogni giocatore del Rennes.

Man of the match: Benjamin Bourigeaud (6.5/10)

Capitano per questa partita, il centrocampista del Rennes ha mostrato la strada alla sua squadra. Immediatamente investito, l’ex Lensois non ha esitato a scuotere la sua squadra, a tratti addormentata, durante i suoi rientri difensivi. E come simbolo, il Rennais ha recuperato palla molto alta prima di servire in porta Abline ad aprire le marcature. Successivamente si è ispirato nelle sue scelte con ottimi turni per i compagni, in particolare in occasione di Assignon con una magnifica apertura per Kalimuendo. Sostituisci il 63° minuto con Signor Dou (non no).

RENNES :

Dogan Alemdar (5): stabilito il posto di Mandanda, in panchina il portiere del Rennes ha disputato una partita dignitosa. Ad eccezione di una piccola allerta su tiro deviato di Garcia ad inizio partita, il turco non si è mai preoccupato per un attacco banale di Larnaca nel primo periodo. Nel secondo atto il giovane effettua una bella parata davanti a Gyurcs, ma viene colto dal tiro di Lopes in mezzo alla folla.

Lorenz Assignon (5,5): preferito Traor, in panchina per questo incontro, la destra del Rennes è stata all’altezza di questa sfida europea. Poco in pericolo difensivo nel primo periodo, il giovane talento ha colto l’occasione per prendersi la responsabilità delle sue salite. Segnale di fuorigioco sul gol respinto Majer, il bretone ha offerto tante soluzioni e creato pericolo in campo avversario. Semplicemente non ha successo, come un cross di Kalimuendo dove era semplicemente troppo basso. E il rovescio della medaglia è stato troppo lassista sull’azione del pareggio a fine partita.

Joe Rodon (6): partita complessivamente seria per il giocatore in prestito dal Tottenham. In assenza di Theate, in panchina, il difensore centrale ha assunto il ruolo di boss nel settore difensivo del Rennes. A suo vantaggio nei duelli e in campo aereo ha sprigionato una bella serenità con buoni interventi in superficie.

Jeanul Belocian (5): schierato per bocciare Theate, in sostituzione, il giovane talento del Rennes ha giustificato la fiducia del suo allenatore Bruno Gnsio. Senza far esplodere lo schermo, il bretone ha approfittato delle difficoltà degli attaccanti avversari per imporsi sui rari tentativi avversari. Nel secondo tempo è scontento di questo centro deviato sull’azione del pareggio.

Birger Meling (4,5): prediligeva Truffert per questa parte, poco a suo vantaggio era la fascia sinistra del Rennes. Tuttavia, come i suoi compagni, il norvegese non ha avuto bisogno di lavorare in fase difensiva nel primo periodo. Ma in partita, nonostante la sua attività, l’ex Nmois è stato fin troppo impreciso nelle sue trasmissioni con tanto di spreco tecnico. Sul gol subito, ha aspettato troppo a lungo per lasciare spazio all’avversario.

Benjamin Bourigeaud (6,5): leggi il commento sopra.

Lovro Majer (6): a centrocampo, il centrocampista del Rennes ha dettato legge. Con una buona disinvoltura tecnica, il nazionale croato è stato il suo vantaggio per guidare il gioco dei bretoni. Mentre aveva pensato di fare il break, il suo gol è stato annullato per un logico fuorigioco da Asignon. Da segnalare anche i suoi sforzi difensivi con molti palloni recuperati. Sostituisci il 63° minuto con Lesley Ugochukwu (non no).

Flavien Tait (5): meno presente rispetto a Majer, il centrocampista del Rennes ha semplicemente fatto una copia nella media. A volte troppo basso, l’ex angioino ha avuto difficoltà a pesare sul gioco della sua squadra. In realtà, si accontentava soprattutto di difendere per garantire l’equilibrio dei Rennais. E i suoi passaggi erano piuttosto accurati.

Martin Terrier (4,5): sul lato sinistro, l’esterno del Rennes aveva succo. Sulle sue percussioni, l’ex lionese ha saputo fare la differenza. D’altra parte, nella zona della verità, il bretone non si è sempre ispirato a troppi palloni persi. Avrebbe potuto fare di meglio per creare pericolo. Sostituisci il 56° minuto con Jrmy Doku (non no)nel complesso sotto controllo dei suoi sforzi individuali.

Matthis Abline (6): associato a Kalimuendo in attacco, il giovane del Rennes ha fatto del suo meglio per cogliere questa occasione. Ad inizio partita ha approfittato di un errore del portiere avversario su un tiro sul primo palo per aprire le marcature. Successivamente il bretone ebbe grande generosità e non esitò a cogliere l’occasione… senza riscontrare lo stesso successo. Sostituisci il 56° minuto con Amine Gouiri (non no)che era molto discreto e privo di ispirazione nei suoi rari tentativi.

Arnaud Kalimuendo (4): incontro misto per l’attaccante del Rennes. Nelle sue trasferte, l’ex parigino ha provato a combinarsi con i compagni ed è stato autore di un pericoloso cross per Asignon, che alla fine è stato troppo corto. Ma nel complesso si è trovato troppo poco nella zona della verità e non è mai riuscito a impensierire il portiere avversario. Sostituisci il 70° minuto con Adrian Truffert.

+ Trova i risultati e la classifica dell’Europa League su Maxifoot

E per te, chi sono stati i migliori e i peggiori giocatori della partita? Reagire nella zona di “Commenti” sotto !

RENNES 1-1 AEK LARNACA (mi-punti: 1-0) – EUROPA LEAGUE – Girone B (Rennes) / 6a giornata
Stadio: Roazhon Park, Rennes – Arbitro: Mohammed Al-Hakim, Svezia

Ma : Mr. Abline (17°) per RENNES – Rafael Lopes (76°) per AEK LARNACA
Avvertenze : F. Tait (18e)per RENNES – H. Milicevic (28e), K. Christoforou (85e)versare AEK LARNACA

RENNES : D. AlemdarJ. Rodon, J. BelocianL. Asignon, B. FarinaB. Bourigeaud (G. Doue, 63°), L. Majer (C. Ugochukwu, 63e), F.Tait, M. Terrier (J. Doku, 56e)M. Abline (A. Gouiri, 56e), A. Truffert (71°)

AEK LARNACA : K. PiricH. Milicevic, N. TomovicK. Christoforou, fallirePietro Pons, Lus Gustavo (Mikel Gonzlez, 88e)R. Mamas (Rafael Lopes, 74°)R. Rosales, . Gyurcs (N. Englezou, 88e)V. Olatunji (HB Andreou, 90+2e)

Assignon aveva del succo nella sua corsia

Abline ha aperto le marcature per il Rennes (1-0, 17°)

Kalimuendo a eu du mal peser

Lopes ha galis per Larnaca (1-1, 76°)

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *