• Home
  • Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

0 comments

Notizie sul gioco Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

Dati di vendita, acquisizioni di studi, rendiconti finanziari, finestra di trasferimento degli sviluppatori, investimenti… se questi argomenti ti interessano, sei nel posto giusto. Vi offriamo un aggiornamento sulle notizie economiche della scorsa settimana.

Riepilogo

  • Ubisoft cancella tre giochi dopo scarsi risultati
  • Frontier abbassa la guida dopo la “sottoperformance” di F1 Manager 2022
  • I veterani di Playground Games (Forza Horizon) hanno fondato lo studio Maverick Games
  • Brevemente nelle notizie economiche della settimana

Ubisoft cancella tre giochi dopo scarsi risultati

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

L’anno 2022 sarà stato sicuramente complicato per Ubisoft. Durante il suo primo semestre fiscale (da aprile a settembre 2022), l’azienda francese aveva già annunciato pesanti perdite (190 milioni di euro) e la cancellazione di quattro giochi (Ghost Recon Frontline, Splinter Cell VR e altri due titoli non annunciati). La fine dell’anno non avrà permesso di alzare l’asticella, anzi. Mentre la sua prossima dichiarazione finanziaria non sarà svelata fino al 16 febbraio, Ubisoft è stata costretta a prendere l’iniziativa pubblicando questa settimana un comunicato per commentare le deludenti vendite dei suoi giochi durante il cruciale periodo natalizio. In particolare quelli del secondo gioco di Mario + Rabbids e Just Dance 2023: “Siamo chiaramente delusi dalla nostra recente performance (…) Siamo rimasti sorpresi dalla sottoperformance di Mario + Rabbids: Sparks of Hope nelle ultime settimane del 2022 e all’inizio di gennaio. Anche Just Dance 2023 ha sottoperformato”ha riconosciuto il CEO Yves Guillemot.

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

Di conseguenza, Ubisoft ha accettato “significative ulteriori decisioni strategiche e operative”. Il primo è la cancellazione di altri tre progetti non annunciatiin modo da “concentrarsi sulla creazione di alcuni dei marchi e dei servizi Live più potenti del settore”. L’azienda annuncia anche un ammortamento di 500 milioni di euro di R&S capitalizzati, che riflette questo “bisogno di concentrarsi su meno titoli”. Assassin’s Creed, Far Cry, Rainbow Six, Ghost Recon e The Division sono i maggiori brand su cui Ubisoft intende puntare, in particolare declinandoli con “giochi dal vivo persistenti” destinati a generare entrate ricorrenti. Teschio e ossa appartiene anche a questa categoria, ma il suo lancio è stato nuovamente posticipato dal 9 marzo 2023 all’inizio del prossimo anno fiscale (aprile, maggio o giugno). Fino ad allora, i giocatori potranno intraprendere una nuova fase beta. “Crediamo che i giocatori saranno positivamente sorpresi dalla sua evoluzione. Abbiamo deciso di posticipare il suo lancio per avere più tempo per presentare l’esperienza di gioco che è molto “rifinita” ed equilibrata e per costruirne la visibilità”commentò Guillemot. Il gioco dovrebbe quindi approdare durante lo stesso anno fiscale di Avatar: Frontiers of Pandora, Assassin’s Creed Mirage e “altri giochi premium ancora non annunciati, incluso uno considerevole, oltre a promettenti titoli free-to-play per alcuni dei nostri più grandi marchi”.

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

Le conseguenze di tali decisioni sui risultati dell’esercizio in corso saranno significative: mentre Ubisoft prevedeva un utile operativo di 400 milioni di euro, l’azienda dovrebbe finalmente subire una perdita di 500 milioni di euro. Per incassare questo, è prevista una riduzione netta della sua base di costo di oltre 200 milioni di euro nei prossimi due anni. Ciò comporterà in particolare “ristrutturazione mirata” e da “la vendita di alcuni beni non essenziali”. La dichiarazione si conclude con una nota rassicurante: “La posizione finanziaria di Ubisoft è forte con circa 1,5 miliardi di euro in contanti e mezzi equivalenti dopo il rimborso dell’obbligazione da 500 milioni di euro in scadenza alla fine del mese”, possiamo leggere. Ricordiamo che lo scorso settembre il colosso cinese Tencent ha iniettato 300 milioni nella holding della famiglia Guillemot. Un’operazione che dovrebbe consentire ai fondatori di Ubisoft di impedire un’acquisizione ostile.

Frontier abbassa la guida dopo la “sottoperformance” di F1 Manager 2022

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

Dopo un 2021 misto, segnato da perdite insolite nel primo semestre e vendite ritenute deludenti per L’evoluzione del mondo giurassico 2Frontier Developments faceva affidamento Manager di F1 2022 per alzare l’asticella nel 2022. Uscito il 30 agosto su PC, PlayStation e Xbox, il gioco gestionale è partito bene, come ci racconta un comunicato stampa dello studio britannico: “Il coinvolgimento dei giocatori durante il periodo di lancio è stato solido e in linea con le nostre aspettative iniziali”, possiamo leggere. D’altro canto, le sue vendite nel periodo di punta delle feste di fine anno non hanno raggiunto gli obiettivi prefissati. Fino ad oggi, conta come quasi 600.000 copie venduteche è considerato dall’impresa come a “sous-performance”.

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

F1 Manager 2022 non è da meno “un buon primo gioco di un nuovo importante franchise annuale”, ma questi risultati portano Frontier ad abbassare le sue previsioni per l’anno fiscale in corso (da giugno 2022 a maggio 2023). Il fatturato previsto non è più di 135 milioni di sterline, ma “di almeno 100 milioni”. Un andamento che dipenderà, tra l’altro, dal risultato dei prossimi giochi pubblicati dall’etichetta Frontier Foundry, ovvero Deliver Us Mars The Great War: Western Front, previsti rispettivamente per il 2 febbraio 2023 e per il corso del 2023. Frontier sta inoltre preparando un gioco di strategia in tempo reale Warhammer Age of Sigmar sviluppato internamente che non verrà rilasciato prima della primavera del 2023.

Frontier prevede di pubblicare il suo bilancio completo per il primo semestre fiscale (da giugno a novembre 2022) il 19 gennaio. Il comunicato stampa di oggi evidenzia già che Jurassic World Evolution 2 e Planet Zoo sono stati i contributori con le migliori prestazioni nel periodo.

I veterani di Playground Games (Forza Horizon) hanno fondato lo studio Maverick Games

Ubisoft in difficoltà, F1 Manager 2022: le notizie economiche della settimana

È nato un nuovo studio, e mostra grandi promesse. Presente a Playground Games sin dalla nascita della serie Forza Horizon, di cui è poi diventato direttore creativo, Mike Brown ha annunciato di aver lasciato il team Microsoft per creare Maverick Games. Un nuovo team, ancora modesto (10 persone), ma che annovera tra le sue fila altri ex dirigenti di Playground come Tom Butcher (produttore esecutivo), Matt Craven (direttore tecnico), Gareth Harwood (direttore tecnico artistico), Frasier Strachan (direttore audio ) e Ben Penrose (direttore artistico). La forza lavoro è completata da Harinder Sangha, un ex Sega e Codemasters, che è responsabile della supervisione delle operazioni dello studio, lasciando Mike Brown a concentrarsi sul lato creativo.

Già in preparazione, la loro prima partita sarà a “AAA in open world che uscirà su PC e console”ma non necessariamente articolato attorno ai veicoli, nonostante l’eredità della squadra. “Prima di essere qualcuno a cui piace guidare, mi descriverei chiaramente come un ragazzo a cui piacciono prima di tutto gli open world. Il gioco sarà open world, sarà AAA, sarà premium, avrà l’ambizione di vincere tutto prezzi”annuncia Mike Brown nelle colonne di GiochiIndustytry. Per realizzare le sue ambizioni, Maverick Games può contare sul supporto di un investitore londinese in grado di fornire stabilità finanziaria allo studio, che intende così crescere rapidamente fino a raggiungere i 140 dipendenti.

Brevemente nelle notizie economiche della settimana

  • Switch è stata la console più venduta nel 2022 nel continente europeo davanti a PS5 e Xbox Series, secondo i dati trasmessi da Industria dei giochi. Le vendite complessive di console sono diminuite del 25% rispetto al 2021, con un totale di 5,3 milioni di macchine vendute.
  • Svelati i 10 migliori bestseller del 2022 negli Stati Uniti. Nell’ordine ci sono Call of Duty: Modern Warfare 2, Elden Ring, Madden NFL 23, God of War Ragnarok, LEGO Star Wars The Skywalker Saga, Pokemon Scarlet/Purple, FIFA 23, Pokemon Legends Arceus, Horizon Forbidden West e MLB The Show 22 Va notato che le vendite digitali dei giochi Nintendo non vengono prese in considerazione in questa classifica.
  • Dal suo debutto nel 2018, Deep Rock Galactic ha totalizzato 5,5 milioni di vendite. Il gioco cooperativo di Coffee Stain Publishing e Ghost Ship Games ha la particolarità di pubblicare cifre sempre più lusinghiere, con il 2022 che è stato il suo anno migliore con 2,3 milioni di vendite. Ha anche rivendicato una buona media giornaliera di 113.700 giocatori su Steam.
  • Garth DeAngelis, uno dei principali produttori del franchise XCOM e del recente Marvel’s Midnight Suns, ha annunciato la sua partenza dopo 14 anni presso lo studio Firaxis.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}