• Home
  • Una stagione molto mista per la squadra vittoriosa del Bahrain!

Una stagione molto mista per la squadra vittoriosa del Bahrain!

0 comments

Nel 2021, formazione Bahrain-Vittorioso era entrato in una nuova categoria e faceva senza dubbio parte delle quattro o cinque migliori squadre del mondo. Con due podi Grand Tour, 31 vittorie di cui 16 World Tour, un successo su Parigi-Roubaix e una squadra che aveva quasi raggiunto il suo massimo potenziale, tutto sembrava muoversi come un orologio per la squadra del Bahrein. Ma questo stato, quasi euforico, è ricaduto nel 2022, che è stato un anno molto più contrastato per il Bahrain-Vittorioso. Nonostante una vittoria finita Milano-Sanremo e un podio sul Giro d’Italia, il resto della stagione è stato un po’ più complicato del previsto. I risultati complessivi con solo 8 vittorie nel World Tour e un nono posto nella classifica a squadre UCI riflettono un anno misto.

Video – Matej Mohoric, vincitore di Milano-SanRemo nel 2022

Bilbao e Landa, i baschi all’appuntamento

Ultra regolare per tutta la stagione – 3° nellaTour degli Emirati Arabi Uniti5 di Strade Bianche9e de Tirreno-Adriatico6 tu Tour dei Paesi Baschi4e du Giro delle Alpi5° tu Giro d’Italia3° tu Giro della Polonia2e tu Giro di GermaniaPello Bilbao è senza dubbio la grande soddisfazione dell’anno Bahrain-Vittorioso. A 32 anni, il nativo di Guernica ha avuto la migliore stagione della sua carriera. Promosso leader in molte gare, ha assunto a pieno titolo questo ruolo, ridiventando all’occorrenza ancora una volta un compagno di squadra modello. Se fosse possibile assegnare un voto a Pello Bilbao per quest’anno 2022, sarebbe sicuramente 10/10.

Dopo una stagione 2021 molto complicata, in particolare a causa degli infortuni, Mikel Landa può anche essere soddisfatto del suo anno. La sua prima parte della stagione è stata diretta verso il Giro d’Italia e possiamo dire che per lui è stato un grande successo. Terzo in classifica generale e in corsa per la vittoria fino agli ultimi giorni, Landa ha assunto il suo status di grande leader di questa squadra Bahrain-Vittorioso. Anche se il finale di stagione è stato un po’ più delicato per il basco con un Vuelta deludente, la valutazione del suo anno 2022 rimane positiva.

Mohoric e Teuns, protagonisti dei classici

Come parlare Matej Mohoric senza menzionare direttamente la sua vittoria Milano-Sanremo e la sua discesa ultra spettacolare? Lo sloveno è andato a cercare molla, gara di riferimento per un corridore del suo stile, la sua stagione è quindi necessariamente vincente. Ma questa non è l’unica gara in cui ha brillato, da allora Mohorico si è mostrato a suo vantaggio su tutte le classiche, 4° nellaE3 Saxo Bank Classico9e de Gand-Wevelgem5e de Parigi-Roubaix… Successivamente, la sua stagione è stata più complicata, nonostante la sua vittoria sul Giro della Croazia. Colpito da un virus, gli mancava completamente il suo Giro di Franciama il suo anno 2022 è necessariamente eccellente dopo una vittoria su Monument.

I risultati sono più contrastanti per Dylan Teans. Il belga è stato brillante nelle classiche, 6° nella Giro delle Fiandre10 delCorsa all’oro dell’Amstel8e da Freccia Brabançonne6e de Liegi-Bastogne-Liegi e vincitore del Freccia vallone, è stato sicuramente il miglior pugile all’inizio della stagione. Ma il resto è stato più complicato per lui, trasparente al Tour de France, ha anche cambiato squadra a fine stagione per entrare Tecnologia premier israelianamancanza di punti UCI.

Discesa agli inferi per Colbrelli, Haig, Caruso, Mader…

Avevano avuto tutti un 2021 eccezionale, ma un 2022 molto complicato. In effetti, Sonny Colbrelli, Jack Haig, Damiano Caruso o Gino Madertutti per motivi diversi, non prenderanno molto di positivo da questa stagione. Jack Haig et Damion Caruso rispettivamente finito 3 ° in il ritorno e 2 di Giro nel 2021, erano stati quindi logicamente promossi a leader sul Giro di Francia quest’anno ed entrambi hanno avuto un calvario lì. L’australiano ha subito una terribile caduta durante la tappa di ciottoli (5a tappa), costringendolo al ritiro e terminando la sua stagione. L’italiano intanto è passato per il suo Grande giro, sebbene avesse ottenuto buoni risultati per tutta la stagione, semplicemente non aveva le gambe. Stessa osservazione per Gino Mader5e de il ritorno nel 2021, quest’anno è stato inesistente. Sonny Colbrelli ha vissuto un vero incubo, visto che ha dovuto chiudere la sua carriera a causa di problemi cardiaci… un vero duro colpo per sé e per la squadra.

Cosa aspettarsi da Bahrain-Victorious nel 2023?

Questa squadra del Bahrein, creata nel 2017, è progredita di anno in anno per raggiungere il livello più alto del mondo, ma la stagione 2022, nonostante alcuni grandi successi, si è fermata. I piloti cercheranno di rilanciare questa dinamica e hanno le carte in regola per farlo. oltre ad Bilbao, Landa et Mohorico che hanno avuto molto successo quest’anno, Jack Haig, Damiano Caruso, Gino Mader o Phil Bauhaus hanno ancora le gambe per ottenere ottimi risultati. E non sono gli unici da quando arriva una nuova generazione Federico Wright (23 anni) jonathan milano (22 anni) e Santiago Buitrago (23 anni).

D’altra parte, la finestra di trasferimento può essere considerata deludente, la squadra ha già perso Sonny Colbrelli et Dylan Teans durante l’anno, e si separa anche da Dominio Novak, Luis León Sanchez et Jan Tratnik tre corridori molto forti. Mentre in direzione degli arrivi non si notano grandi nomi, solo confermati con i team Andrea Pasqualone et Nikia Arndt e scommesse, Cameron Scott, Fran Miholjevic, Rainer Kepplinger, Sergio Tu et Dusan Rajovic.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}