• Home
  • vendita, pista di Nizza, budget per il prossimo anno… Jean-Baptiste Aldigé fa il punto

vendita, pista di Nizza, budget per il prossimo anno… Jean-Baptiste Aldigé fa il punto

0 comments

Senza emettere un suono, il Biarritz olimpico
finito l’anno 2022 è stato un bel secondo posto in Pro D2, dopo la sua migliore sconfitta a Béziers (17-12)
. Ma dalla parte di Aguiléra, la questione del futuro del club è sempre nella mente. Tra una partenza studiata degli azionisti, la famiglia Gave, la pista del Nizza, il budget da fame annunciato per la prossima stagione e i rapporti ancora gelidi con il municipio, il BOPB… Jean-Baptiste Aldigé, il presidente del consiglio di amministrazione del club , è stato ospite di France Bleu Pays Basque questo venerdì 16 dicembre.

Logo blu Francia

France Bleu Pays Basque: questa è la tua ultima stagione come presidente del consiglio di amministrazione del BO?

Jean-Baptiste Aldige: Mi sembra di averlo sentito dal primo giorno in cui sono arrivato. Non mi sembra che sia più significativo oggi. Dirigenti, come giocatori, allenatori, ecco com’è. Siamo in un mondo professionistico e quindi non dico che resterò al Biarritz Olympique per tutta la vita. Se per caso ci fosse un progetto che ci potrebbe piacere altrove o in un altro sport, o in un’altra città per giocare a rugby, ovviamente, cercheremmo, perché è il nostro lavoro.

Stai guardando la ripresa del club di Nizza, si sono allungati i ponti tra te e Christian Estrosi?

Penso che abbiamo avuto il Lille, ora il Nizza. I giocatori a volte hanno voci di trasferimento, sinistra, destra. Io, quello che so è che se non ho un progetto che mi piace, qualunque sia lo sport o la città altrove, non ci sono argomenti in partenza dal Biarritz Olympique. E ancor di più se ciò dovesse accadere, prima di tutto avrebbe un progetto che mi piace, e poi avrebbe già dei compratori per quello attuale. Non è così, né da una parte né dall’altra.

I contatti con Nizza sono reali. Si erano raffreddati, si erano riscaldati. La Città di Nizza ha confermato ai nostri colleghi di France Bleu Azur che c’era contatto tra il Comune e il club di Biarritz

Come c’era Lille, c’è Rennes, c’è Strasburgo, Saint-Tropez e Quimper.

Ci sono stati pre-contratti, proposte fatte ad alcuni attuali giocatori del Biarritz Olympique per il Nizza?

Ancora una volta, estrapoliamo, esacerbiamo questo argomento. Manca poco a Natale e quindi tutti i rugbisti o tutti i giocatori del mondo del rugby e dello sport professionistico si stanno ponendo la questione della loro carriera. E non ho bisogno di parlare di rinnovi, assunzioni, partenze… perché siccome ho la buona idea, la buona coscienza, di dirmi che magari abbiamo lavorato bene, ho pochissimi giocatori a fine contratto . Tanto più che hai dimenticato la regola del RIF (il Riforma dei compensi per la formazione
, Nota). Vale a dire che, come avevo promesso quattro anni fa, abbiamo formato dei giovani e loro sono sotto contratto. Dodici giocano sotto contratto Espoir. Se faccio una proposta di contratto professionale per questi fini del contratto Espoir, secondo le regole della National Rugby League, sono automaticamente impegnati con il Biarritz Olympique. Quindi non mi affretterò a diventare questi contratti Espoirs, che vedi ogni fine settimana come se fossero grandi professionisti, ma sono ancora ragazzini.

Jean-Baptiste Aldigé, questo venerdì 16 dicembre, presso la sede di FBPB
© Radio Francia

Oihana Larzabal

Secondo le nostre informazioni, tre gruppi si sono offerti di acquistare la colonna sonora. Uno ti avrebbe offerto tre milioni di euro, hai detto di no. Un altro gruppo avrebbe messo i soldi in sequestro per essere in fase e ha affermato il suo interesse a rilevare il club…

Lo nego e quindi, conoscevo il droghiere Maider Arostéguy, non conoscevo il suo agente immobiliare. La signora Arostéguy non è né socia né azionista del palco privato del Biarritz Olympique. Ti ha detto, molte volte, che non erano affari suoi, che non aveva affari privati ​​di cui occuparsi. E negli ultimi due mesi l’ho vista andare ovunque per fare la prima rappresentante di vendita per questo club, per chiedermi di andare via e venderlo.

Finanziariamente, la città di Biarritz era partner del BO…

Lo era, ma non lo è. Mi è stato detto, per anni, “attenzione, il Comune paga e quindi bisogna ascoltarli”. Oggi non c’è niente. Decifrerò per te perché, all’improvviso, questo piccolo soffio per il Biarritz Olympique e il fatto che dovremmo partire. Il motivo è immobiliare. La signora Arostéguy, a settembre, ha fatto la sua proposta per lo sviluppo dell’altopiano di Aguiléra, immobiliare, e credo che non sia stato un grande successo popolare, erigere edifici su campi sportivi. E lì, oggi, si dice “Accidenti, per rivedere la mia copia, ho un problema, è che c’è un proprietario enfiteutico in mezzo all’altopiano di Aguiléra e non so come aggirarlo”. Quindi oggi cerca, in tutti i modi, di aggirare questa cosa e di provare a fare qualcosa con la sua salsa. Inoltre, sai che venerdì scorso ha visitato il centro di allenamento Racing. Quello è stato organizzato dal gruppo immobiliare Océanis, con il quale si occupa di Aguiléra.

Quindi nessun potenziale acquirente registrato. Un file di acquisizione del club? Non suggerire.

Se un giorno decido di andarmene perché c’è un posto in cui mi piace sistemarmi e lavorare. In quel momento penserò alla cessione del Biarritz Olympique. Non va diversamente. Non è il sindaco che dirà “te ne vai” e noi che ce ne andremo solo per farle piacere e domani penseremo a cosa faremo dopo.

L’11 luglio 2018, giorno della presentazione del tuo progetto, hai citato il modello dello Stade Rochelais e hai detto: “Per avere successo, quando investi un euro in busta paga, devi investire un euro nella struttura. Lo Stade Rochelais è un centro di allenamento, un nuovo stadio, un pubblico fedele. Hanno reso attraente il loro prodotto, poi hanno fatto la scommessa sportiva di Victor Vito. Biarritz deve modellarsi su questo modello”. Se posso permettermi, hai messo un euro nell’atleta, ma non hai messo euro nella struttura…

Anzi. Oggi ho un credito sulla piattaforma di 300.000 € all’anno. Ho dei costi di manutenzione, che fino ad allora erano di 600.000 € all’anno, quindi ne facevo 900.000. E ora, il prato, l’acqua, l’elettricità e i fluidi mi sono appena stati aggiunti.. .

Non è un euro di investimento nella struttura, è un euro di gestione dei costi inerenti…

Per farla alzare. Per tenerlo in piedi, abbiamo messo tutti quei soldi e così l’azionista oggi ha messo più di 15 milioni negli ultimi cinque anni nel club. Stai parlando del modello La Rochelle? Vorrei congratularmi con i club che hanno fatto creare questo modello, vale a dire Bayonne, con il sostegno delle comunità che vogliono un club di rugby. Ma c’è anche Agen, Mont-de-Marsan, Pau o Bordeaux. Tutti hanno preso il turno del rugby professionistico con il proprio comune negli ultimi cinque anni.

Jean-Baptiste Aldigé, Maider Arostéguy e Serge Blanco il 23 ottobre 2021 ad Aguiléra
© Afp

SBAGLIATO

Quando annunciate, durante l’assemblea generale del club professionistico la scorsa settimana, un budget di 4 milioni di euro per la prossima stagione, è uno scherzo?

No, è la realtà economica del club. Prima, sulla tua antenna te l’ha detto Madame Arostéguy “Nessun futuro per la BO con gli attuali azionisti”

Ha anche aggiunto: “Il club non ha più soldi, è in procinto di crollare”…

Quattro milioni sono soldi! Io, ti rispondo con questo sindaco per i prossimi tre anni, meno ambizione sportiva per il Biarritz Olympique. Quello che succede è che se, purtroppo o per fortuna per alcuni dipende da che parte stiamo, siamo portati a gestire il Biarritz Olympique per i prossimi tre anni, sarà fatto con i mezzi al limite attuale e i mezzi dell’attuale Il vantaggio del Biarritz Olympique è di quattro o cinque milioni di entrate all’anno, quindi sarà un budget di 4 o 5 anni per puntare, come ti ho sempre detto, per puntare meglio di quello che ho. E posso dirti che per i prossimi tre anni sarà così. Ma che tra quattro anni, quando avremo un nuovo sindaco, forse potremo pensare a più ambizioni sportive ed economiche per questo club. È un club professionistico e quindi è l’economia che porta l’ambizione sportiva. E sarei in errore di gestione se annunciassi un budget di otto quando abbiamo solo quattro afflussi. Sarebbe pericoloso per il futuro del club se lo facessi.

► Per (ri)ascoltare l’intervista integrale ⤵

Caricamento in corso

Jean-Baptiste Aldigé ha fatto un’audizione a Tolosa

Anche il presidente del Biarritz Olympique Pays Basque è tornato alla custodia della polizia che ha effettuato nei locali della stazione di polizia di Tolosa. È sospettato di aver commesso violenze contro il coniuge del suo ex compagno. “Sono stato ascoltato nella data e nell’ora che ho scelto, mentre andavo a Béziers. Fatti che risalgono a dopo la partita contro lo Stade Toulousain all’Ernest Wallon, l’anno scorso, per l’ultimo giorno della Top 14. Le persone sono venute ad arringarci , infastidirci in un cordone sicuro della National Rugby League. Mi conosci, a volte, scelgo di non farmi fare. E così, in effetti, c’è stato un alterco con un individuo in uno stadio. Nessuna violenza, nessuna. è uscito di scena, poi dopo, sembra che questo stesso individuo sia stato arrestato dalla polizia per un litigio con questi stessi servizi di polizia e che sia stato posto in custodia cautelare.Voleva sporgere denuncia per violenza contro di me e quindi da settembre, la polizia mi aveva chiesto di essere ascoltato quando lo desideravo.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}