• Home
  • “Volevamo solo vivere la magia”, da Casablanca a Doha, migliaia di tifosi marocchini addolorati?

“Volevamo solo vivere la magia”, da Casablanca a Doha, migliaia di tifosi marocchini addolorati?

0 comments

Dovrebbe esserci solo rosso, con qualche macchiolina di blu qua e là, questo martedì sera allo stadio Al-Bayt di Doha, per la semifinale di Coppa del Mondo tra le Marocco e Francia. Circa 40.000 sostenitori degli Atlas Lions sono annunciati per questo momento storico, dove dovrebbero, ancora una volta, come dall’inizio della competizione, mettere una grande atmosfera sugli spalti, fino alla prestazione degli uomini di Walid Reragui.

Un entusiasmo impressionante rafforzato dalle promesse della Federcalcio marocchina reale (FRMF) di dare 13.000 posti ai tifosi in viaggio verso il Qatar. Per promuovere questa operazione, la compagnia nazionale Royal Air Maroc (RAM) aveva deciso di operare nei pressi 30 voli speciali tra Casablanca e Doha martedì e questo mercoledì. Ma tutto è finito con un fallimento e il sogno ad occhi aperti vissuto da molti tifosi marocchini si è trasformato in un enorme incubo.

Quattro ore di attesa sotto il sole per niente

È il caso in particolare di Laila, originaria di Fez, venuta con il fratello e la sorella, che si ritrova senza biglietto per Doha, nonostante le promesse del FRMF. “All’atterraggio, il capitano ci ha informato che la Federazione ci stava chiedendo di trasferirci al stadio Al Janoub, dove ci sarebbe la distribuzione dei biglietti. Siamo partiti alle 7 del mattino, abbiamo aspettato sotto il sole cocente per quattro ore. Tutto questo per chiederci di partire alle 11, perché non ci sono i biglietti. »

All’arrivo alaeroporto di Doha, anche molti altri tifosi marocchini, sprovvisti di biglietti per la partita, si accorgono che non ci sarà distribuzione da parte dei funzionari della federazione. “C’è stata una vaga comunicazione da parte della Federazione che prometteva i biglietti, le persone che sono arrivate non hanno ottenuto nulla, ci racconta Kamil, di Rabat, che aveva già in mano un biglietto per la partita. . I sostenitori quindi non erano contenti e decisero di rimanere all’aeroporto. »

Voli cancellati da Casablanca

Ne è seguito un sit-in di protesta, sperando che il FRMF risolva la situazione il prima possibile. Invano. “È sfuggito di mano perché non volevano lasciare l’aeroporto senza il biglietto della partita”, ha detto Hasen*, che non ha avuto problemi perché aveva già acquistato il biglietto della partita. ” marocchini arrivati ​​all’aeroporto di Doha erano scontenti di non trovare i funzionari della federazione che avevano promesso di consegnare i biglietti, conferma Laila. I nervi si sono scaldati e ci sono state alcune discussioni. Contattata, la federazione marocchina non ha risposto alle nostre richieste.

A seguito di questo episodio, il autorità del Qatar imposte restrizioni all’arrivo dei tifosi marocchini e molti voli di linea dall’aeroporto Mohammed V di Casablanca sono stati cancellati, anche per chi aveva già un biglietto per la semifinale dei Mondiali, come Mohammed. “Ho pagato 10.000 dirham marocchini [environ 900 euros] per il mio biglietto aereo ed è stato annullato senza alcuna spiegazione. Ho appena ricevuto una mail e basta. E’ da stamattina che provo a chiamare l’assistenza ma nessuna risposta. Ho perso la speranza e sono tornato a casa. »

Sospetti di corruzione

Come Mohammed, centinaia di sostenitori sono stati così costretti a rimanere a terra. I sette voli cancellati impattano “2.100 passeggeri. Gli altri 23 voli operati da RAM sono ancora in manutenzione”, ha detto ad AFP una fonte vicina alla questione. Contattato da 20 minuti, Royal Air Maroc non ha risposto alle nostre domande. Molti sostenitori marocchini accusano inoltre la compagnia di non aver fatto di tutto per commercializzare i biglietti aerei attraverso il normale circuito di vendita, ma di aver privilegiato alcune persone.

Altri colpevoli di questa caotica situazione, secondo i fan del Leoni dell’Atlante, alcuni vicini alla delegazione marocchina a Doha. “Quando siamo arrivati ​​in Qatar, abbiamo appreso che si trattava di figure controverse responsabili della distribuzione dei posti, dettaglia Laila. I biglietti esistono, ma vengono distribuiti a loro piacimento. »

“Più di 1.000 euro il posto al mercato nero”

Sui social possiamo vedere il figlio Mohamed Boudrika, ex presidente del Raja Casablanca, membro del comitato direttivo dell’FRMF responsabile della distribuzione dei biglietti a Doha, con tanti sesami per la semifinale della Coppa del Mondo. “Volevamo solo far parte della storia e vivere la magia, si lamenta Laila. Se non avessimo avuto la certezza di avere un biglietto gratuito, non avremmo fatto il viaggio. Mi sarebbe piaciuto che ci facessero vivere in serenità questo momento storico. »

Per lei, così come per la sorella e il fratello, l’ultima soluzione per assistere alla semifinale resta trovare i biglietti al mercato nero. Ma, ancora una volta, sembra una missione impossibile. “I biglietti, di categoria 3, sono minimo 1.000 euro… Se non troviamo niente andiamo a vedere la partita in fan-zone, e poi torniamo a Casablanca alle 5 del mattino. “Se il Marocco non andrà in finale, la notte sarà probabilmente molto lunga.

* Il nome è stato cambiato

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}